Slovenia 1945 – Ricordi di morte e sopravvivenza dopo la seconda guerra mondiale

24.00

Nel maggio 1945 una fiumana di civili e militari sloveni (i domobranci) aveva provato a cercare rifugio in Austria attraverso il passo Ljubeij. Consegnatisi ai britannici circa 12.000 domobranci, per una complessa serie di drammatiche circostanze (peraltro i britannici erano stati alleati di Tito) furono rimpatriati e per ciò mandati a morte certa. Altri 6.000 civili, grazie al comandante Barre, comandante canadese al campo Viktring, scamparono all’annientamento e partirono ovunque per il mondo. Ancora adesso, nella Slovenia democratica rimangono molte ferite e molte lacune nelle memorie dei sopravvissuti e degli sloveni di oggi. Questo libro, che prende il via dalle lettere scritte da John Corsellis (membro di un’organizzazione umanitaria nel campo di Viktring), con l’integrazione del diario di France Pernisek, uno dei sopravvissuti, si distingue per la trattazione imparziale, l’equilibrata analisi dei fatti, l’equidistanza nell’evidenziare gli errori e le atrocità commessi da tutte le parti in causa, con la competenza di un resoconto storiografico.

Brossura, 14 x 21 cm. pag. 340

Stampato nel 2008 da Libreria Editrice Goriziana

1 disponibili

Qty:
COD: SB01972 Categoria:

Descrizione

John Corsellis – Marcus Ferrar

Nel maggio 1945 una fiumana di civili e militari sloveni (i domobranci) aveva provato a cercare rifugio in Austria attraverso il passo Ljubeij. Consegnatisi ai britannici circa 12.000 domobranci, per una complessa serie di drammatiche circostanze (peraltro i britannici erano stati alleati di Tito) furono rimpatriati e per ciò mandati a morte certa. Altri 6.000 civili, grazie al comandante Barre, comandante canadese al campo Viktring, scamparono all’annientamento e partirono ovunque per il mondo. Ancora adesso, nella Slovenia democratica rimangono molte ferite e molte lacune nelle memorie dei sopravvissuti e degli sloveni di oggi. Questo libro, che prende il via dalle lettere scritte da John Corsellis (membro di un’organizzazione umanitaria nel campo di Viktring), con l’integrazione del diario di France Pernisek, uno dei sopravvissuti, si distingue per la trattazione imparziale, l’equilibrata analisi dei fatti, l’equidistanza nell’evidenziare gli errori e le atrocità commessi da tutte le parti in causa, con la competenza di un resoconto storiografico.

Brossura, 14 x 21 cm. pag. 340

Stampato nel 2008 da Libreria Editrice Goriziana 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Slovenia 1945 – Ricordi di morte e sopravvivenza dopo la seconda guerra mondiale”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.