1400 Musées 1939/1945 Guide Europe (5ªédition)

Fortificazioni

Visualizzazione di 1-48 di 364 risultati

  • 0 out of 5

    1400 Musées 1939/1945 Guide Europe (5ªédition)

    25.00

    Questa guida, molto illustrata, che propone più di 1400 musei dedicati alla storia della Seconda Guerra Mondiale in Europa, è lo strumento di ricerche e scoperte più completo mai realizzato. Ordinata per paese, poi per regione, questa guida pratica permette di organizzare il proprio itinerario di visita attraverso la Storia e scoprire decine di carri armati, cannoni, bunker e ponti storici.

    Brossura, 15 x 21 cm. pag. 382 con circadi 320 foto e cartine

    Testo bilingue francese/inglese

    Stampato nel 2010 da Le Grand Blockhaus

    Quick view
  • 0 out of 5

    1906-1918 Un leone fra Brenta e Cismon – La storia del forte corazzato di Cima Campo progettazione, costruzione, vita di guerra, guida fotografica ai resti attuali

    15.00

    La più importante e costosa fortezza dello Sbarramento Brenta-Cismon; questo era l’opera corazzata di Cima Campo, che aveva suscitato aspettative tali da meritarsi la denominazione di “forte Leone”. La fase iniziale del conflitto, spostando immediatamente il fronte molto più ad ovest, impedì un’immediata “prova del fuoco”. Spogliata gradualmente delle armi pesanti, delle mitragliatrici e finanche delle attrezzature tecniche, dovette assistere da lontano ai primi due anni e mezzo della guerra di Valsugana, riducendosi a semplice magazzino per i materiali destinati al fronte nord del Brenta. E dopo Caporetto, quando forte Leone avrebbe potuto finalmente assumere un ruolo determinante come perno della resistenza delle retroguardie italiane durante il ripiegamenti al monte Grappa, esso non era più che un vuoto scatolone di pietra, acciaio e cemento. Eppure attorno a esso, poté svilupparsi quella poco nota “battaglia di rallentamento” risultata determinante nel concedere all’esercito italiano tempo, uomini e morale sufficienti a ricostruire tra Brenta e Piave un estremo argine all’invasione della pianura veneta. I lavori di costruzione, le dotazioni operative, l’armamento e la “vita di guerra” di forte Leone sono descritti in questo libro anche grazie a immagini in maggioranza inedite e a testimonianze d’epoca. Questa “guida al forte”, corredata da una corposa e qualificata cartografia e iconografia a colori, offre anche al visitatore più sprovveduto la possibilità di comprendere dall’interno struttura e funzioni di quest’imponente esempio di architettura militare.

    Brossura, 16 x 23,5 cm. pag. 328 con numerose planimetrie, foto b/n e colori

    Stampato nel 2016 da DBS

    Quick view
  • 0 out of 5

    1943 Fortini a Porto Conte

    10.00

    In Sicilia e in sardegna, una fortunosa serie di cause ha permesso la sopravvivenza di olti manufatti (piccole postazioni in calcestruzzo per armi automatiche e cannoni) portandoli oggi, almeno teoricamente, negli ambiti di tutela previsti dalle normative, oltre che dal “buonsenso culturale” e dalla constatazione di quanto avviene, da anni, all’estero. da questa premessa muove questo contributo della “Associazione Studi Storici Fortificazioni sardegna (A.S.S. Fort.) che dal 2001 ha riunito studiosi e appassionati con lo scopo di ndividuare, recuperare e valorizzare, in ambito turistico e culturale, le peculiari vestigia del sistema difensivo sardo del XX secolo. Il presente volume è dedicato appunto al sistema forificato nella zona di Porto Conte.

    Brossura 15 x 21 cm. pag. 110 con diverse foto b/n

    Stampato nel 2011 da Carlo Delfino Editore

    Quick view
  • 0 out of 5

    500 Musées 14/18 Guide Europe

    19.00

    Sébastien Hervouet, Luc et Marc Braeuer

    Questa guida dei musei relativi alla Grande Guerra, molto illustrata, presenta più di 500 musei, in Francia, Belgio, Gran Bretagna, Germania, Paesi Bassi, Austria, Italia, Ungheria, Slovenia e Svizzera. Pratica e ordinata per regioni, permette di organizzare il proprio itinerario di visiata attraverso la Storia e scoprire decine di cannoni, trincee e bunker.

    Brossura 15 x 21 cm. pag. 192 con circa 200 foto a colori

    Testo bilingue francese/inglese

    Stampato nel 2006 da Le Grand Blockhaus

    Quick view
  • 0 out of 5

    A Dictionary on Modern Fortification – An Illustrated Lexicon on European Fortification in the Period 1800-1945 (Fortificazioni)

    75.00

    Testo ideale per chi voglia avere una visione globale delle fortificazioni costruite in Europa dal 1800 al 1945. Disposte in ordine alfabetico, si trovano la descrizione di tutte le opere fortificate quasi sempre corredate da piantine e fotografie. Questo grosso lavoro di ricerca e catalogazione mette a disposizione degli appassionati una pubblicazione vitale per una rapida ricerca, completa il tutto una mappa d’Europa con la dislocazione delle piazzaforte fortificate. Il volume che prende in esame fortificazioni di Francia, Germania, Gran Bretagna, Austria, Italia e Russia, Belgio, Olanda, Spagna, Portogallo, Svezia, Norvegia, Danimarca, Polonia, Cecoslovacchia, Jugoslavia, Romania, Bulgaria, Grecia e Turchia, contiene 6200 voci inerenti diversi aspetti sul tema opere fortificate, descrizioni dei singoli forti e batterie, brevi riferimenti ad ingegneri, progettisti militari e produttori di armamenti. Chiude il tutto un glossario sulla terminologia delle fortificazioni in 4 lingue: inglese, tedesco, francese ed italiano. Ottimo volume di Rudy Rolf ormai fuori commercio.

    Rilegato, 26,5 x 21,5 cm. pag. 464 illustrato con circa 480 mappe e 260 foto e piantine b/n e una cartina ripiegabile fuori testo

    Testo in lingua inglese

    Stampato nel 2004 da PRAK Publishing

    Quick view
  • 0 out of 5

    A history of the early and late Medieval siege – Two Volumes Set

    145.00

    Gli assedi erano la forma predominante della guerra in tutto il mondo medievale e, i metodi d’assedio e la tecnologia sviluppata contemporaneamente riguardo il miglioramento della difesa, sono il tema saliente di questo importante lavoro che, attraverso l’analisi delle fonti originali, presenta una visione completa di tutta la materia, tracciando i collegamenti attraverso i diversi paesi e analizzando appunto il rapporto tra la guerra d’assedio con le conseguenti modifiche al disegno e alle difese della città e dei castelli. L’autore analizza le questioni più importanti relative alla guerra d’assedio: la progettazione e la costruzione delle macchine d’assedio, da chi sono state disegnate e da chi sono state gestite; come i comandanti medievali hanno acquisito la loro conoscenze in questa materia; il ruolo dei testi antichi e le scienze innnovative che hanno migliorato le vecchie tecniche; come i popoli nomadi hanno potuto acquisire conoscenze in questa branca dell’arte militare; se le mura e le fortificazioni di castelli e città erano costruite a scopo puramente militare, o se avevano anche un ruolo simbolico. Il primo volume analizza il periodo storico compreso tra il 450 dC con il venir meno dell’impero romano d’occidente e la creazione di primi stati barbariche, e il XIII secolo, annoverando in questo periodo anche lo sviluppo dell’impero bizantino, il Califfato musulmano con tutte le sue vicende, ed i legami con la Cina. Il secondo volume arriva fino al XV secolo, analizzando tra l’altro la conquista mongola in Asia e in Europa, l’inizio dell’era della polvere da sparo con le conseguenti modificazioni dell’arte della guerra d’assedio.

    Rilegati 17 x 25 cm. pag. 1024 con oltre 100 illustrazioni b/n

    Testo in lingua inglese

    Stampato nel 2010 da Boydell Press

    Quick view
  • 0 out of 5

    A history of the early and late Medieval siege 1200-1500

    80.00

    Gli assedi erano la forma predominante della guerra in tutto il mondo medievale e, i metodi d’assedio e la tecnologia sviluppata contemporaneamente riguardo il miglioramento della difesa, sono il tema saliente di questo importante lavoro che, attraverso l’analisi delle fonti originali, presenta una visione completa di tutta la materia, tracciando i collegamenti attraverso i diversi paesi e analizzando appunto il rapporto tra la guerra d’assedio con le conseguenti modifiche al disegno e alle difese della città e dei castelli. L’autore analizza le questioni più importanti relative alla guerra d’assedio: la progettazione e la costruzione delle macchine d’assedio, da chi sono state disegnate e da chi sono state gestite; come i comandanti medievali hanno acquisito la loro conoscenze in questa materia; il ruolo dei testi antichi e le scienze innnovative che hanno migliorato le vecchie tecniche; come i popoli nomadi hanno potuto acquisire conoscenze in questa branca dell’arte militare; se le mura e le fortificazioni di castelli e città erano costruite a scopo puramente militare, o se avevano anche un ruolo simbolico. Questo secondo volume prende in esame il periodo storico compreso tra il 1200 dC e il XV secolo, analizzando tra l’altro la conquista mongola in Asia e in Europa, l’inizio dell’era della polvere da sparo con le conseguenti modificazioni dell’arte della guerra d’assedio.

    Rilegati 17 x 25 cm. pag. 1024 con oltre 100 illustrazioni b/n

    Testo in lingua inglese

    Stampato nel 2010 da Boydell Press

    Rilegati 17 x 25 cm. pag 548 con oltre 50 illustrazioni b/n

    Testo in lingua inglese

    Stampato nel 2010 da Boydell Press

    Quick view
  • 0 out of 5

    A history of the early Medieval siege, c.450-1200

    80.00

    Gli assedi erano la forma predominante della guerra in tutto il mondo medievale e, i metodi d’assedio e la tecnologia sviluppata contemporaneamente riguardo il miglioramento della difesa, sono il tema saliente di questo importante lavoro che, attraverso l’analisi delle fonti originali, presenta una visione completa di tutta la materia, tracciando i collegamenti attraverso i diversi paesi e analizzando appunto il rapporto tra la guerra d’assedio con le conseguenti modifiche al disegno e alle difese della città e dei castelli. L’autore analizza le questioni più importanti relative alla guerra d’assedio: la progettazione e la costruzione delle macchine d’assedio, da chi sono state disegnate e da chi sono state gestite; come i comandanti medievali hanno acquisito la loro conoscenze in questa materia; il ruolo dei testi antichi e le scienze innnovative che hanno migliorato le vecchie tecniche; come i popoli nomadi hanno potuto acquisire conoscenze in questa branca dell’arte militare; se le mura e le fortificazioni di castelli e città erano costruite a scopo puramente militare, o se avevano anche un ruolo simbolico. Questo primo volume analizza il periodo storico compreso tra il 450 dC con il venir meno dell’impero romano d’occidente e la creazione di primi stati barbariche, e il XIII secolo, annoverando in questo periodo anche lo sviluppo dell’impero bizantino, il Califfato musulmano con tutte le sue vicende, ed i legami con la Cina.

    Rilegati 17 x 25 cm. pag. 496 con oltre 50 illustrazioni b/n

    Testo in lingua inglese

    Stampato nel 2010 da Boydell Press

    Quick view
  • 0 out of 5

    A la recherche du Mur de l’Atlantique en Norvege Vol. 2

    65.00

    Le grandi opere fortificate hanno sempre destato curiosità e interesse. Il Vallo Atlantico non fa eccezione, anzi. Costruito tra il 1940 e il 1945 da Capo Nord alla costa spagnola, nonostante i segni del tempo restano visibili sulle coste dell’Europa occidentale le vecchi strutture fortificate con le loro masse di cemento e acciaio. Meticolosamente esplorato, studiato, catalogato, il Vallo Atlantico ha da tempo consegnato tutti i suoi segreti per le strutture situate sulla costa danese, tedesca, olandese, belga e francese, per non parlare delle Isole del Canale, l’unico territorio britannico occupata dai tedeschi durante la guerra e debitamente fortificato. la Norvegia nonostante i suoi 3000 chilometri di costa spesso pieni di potenti fortificazioni, resta il settore meno noto del Vallo Atlantico. Ogni anno vengono scoperti nuovi siti anche ben conservati. Questo libro, secondo di tre volumi, presenta un “inventario” di questa parte del sistema fortificato costruito dai tedeschi in funzione anti-alleata e utilizzata in alcune sue strutture durante la guerra fredda dalle forze armate del paese scandinavo. Un viaggio favoloso sulla costa norveggese tra le vestigia della storia recente. Splendidamente illustrato con circa 460 foto d’epoca e attuali, 85 piani costruttivi.

    Rilegato, 21 x 30 cm. pag. 304 illustrato con oltre 460 foto d’epoca e attuali e oltre a 85 planimetrie a colori

    Testo in lingua francese

    Stampato nel 2015 a cura dell’autore

    Quick view
  • 0 out of 5

    A la recherche du Mur de l’Atlantique en Norvege Vol. 3

    65.00

    Le grandi opere fortificate hanno sempre destato curiosità e interesse. Il Vallo Atlantico non fa eccezione, anzi. Costruito tra il 1940 e il 1945 da Capo Nord alla costa spagnola, nonostante i segni del tempo restano visibili sulle coste dell’Europa occidentale le vecchi strutture fortificate con le loro masse di cemento e acciaio. Meticolosamente esplorato, studiato, catalogato, il Vallo Atlantico ha da tempo consegnato tutti i suoi segreti per le strutture situate sulla costa danese, tedesca, olandese, belga e francese, per non parlare delle Isole del Canale, l’unico territorio britannico occupata dai tedeschi durante la guerra e debitamente fortificato. la Norvegia nonostante i suoi 3000 chilometri di costa spesso pieni di potenti fortificazioni, resta il settore meno noto del Vallo Atlantico. Ogni anno vengono scoperti nuovi siti anche ben conservati. Questo libro, terzo di tre volumi, presenta un “inventario” di questa parte del sistema fortificato costruito dai tedeschi in funzione anti-alleata e utilizzata in alcune sue strutture durante la guerra fredda dalle forze armate del paese scandinavo. Un viaggio favoloso sulla costa norveggese tra le vestigia della storia recente. Splendidamente illustrato con circa 460 foto d’epoca e attuali, 85 piani costruttivi.

    Rilegato, 21 x 29 cm. pag. 320 illustrat0 con circa 450 foto d’epoca e attuali e 110 cartine e planimetrie

    Testo in lingua francese

    Stampato nel 2015 da Jean-Bernard Wahl

    Quick view
  • 0 out of 5

    A piedi sul Vallo alpino – Itinerari storico-escursionistici dalle Alpi Marittime al lago Maggiore

    8.90

    Questa bella scelta di itinerari caratterizzati dalla presenza di opere fortificate costruite fra Otto e Novecento, dalle Alpi Liguri alle Pennine, passando per le Marittime, le Cozie e le Graie, fino a raggiungere la sponda lombarda del Lago Maggiore, offre un modo diverso per scoprire le Alpi Occidentali. Il libro propone cartine, altimetrie, livelli di difficoltà, tempi di percorrenza, periodo consigliato, un ricchissimo e inedito apparato iconografico e, per ciascun itinerario, approfondimenti specifici per sviluppare conoscenze storiche, culturali, artistiche, geologiche e faunistiche.

    Brossura, 19 x 25,5 cm. pag. 152 interamente illustrato con circa 234 foto a colori e 23 schede complete di cartine e indicazioni per le escursioni

    Stampato nel 2009 da Edizioni del Capricorno

    Quick view
  • 0 out of 5

    A piedi sulla Linea Gotica

    13.00

    Diciotto giorni a piedi, sulla Linea Gotica, la linea fortificata che, al termine della Seconda Guerra Mondiale, tagliava l’Italia in due. Le Alpi Apuane, gli Appennini Tosco-Emiliani, la pianura. Un viaggio nei luoghi che decisero le sorti del Paese, tra storie, memoria e natura. Crinali, boschi, strade bianche e sentieri. Facendo i conti con la fatica, ascoltando i ricordi del suolo, prestando attenzione al cammino e alle memorie di chi, su quella linea, ha resistito, e vi ha lasciato i segni.

    Brossura, 14,7 x 21 cm. pag. 148 illustrato con numerose foto b/n

    Stampato nel 2017 da Pacilli Editore

    Quick view
  • 0 out of 5

    Ai confini del Regno d’Italia – Fortificazioni e Alpini nella Val di Susa di fine Ottocento

    25.00

    Questa bella pubblicazione completamente illustrata non solo da fotografie – sia originali che contemporanee -, ma anche da decine di disegni, mappe e piantine, prende in esame il quadro difensivo che era stato messo in essere nella Valle Susa in seguito alla formazione del Regno d’Italia nel 1861, alla cessione della Savoia alla Francia e all’apertura nel 1871 del traforo del Frejus. Oltre ad una serie di nuove fortificazioni, opere in quota in cui le Alpi diventarono un teatro importante, vide la luce anche la formazione di una nuova specializzazione di truppe leggere, le compagnie distrettuali alpine, che di lì a qualche anno sarebbero state chiamate più specificatamente Alpini.

    Cartonato, 21,5 x 31 cm. pag. 112 interamente illustrato con circa 270 immagini in b/n e a colori, tra cui 238 disegni e foto d’epoca

    Stampato nel 2011 dall’Associazione per gli Studi di Storia e Architettura Militare

    Quick view
  • 0 out of 5

    Alla scoperta dei luoghi – Grande Guerra: Adamello Garda Pasubio Altipiani Dolomiti

    20.00

    Da un lato, la montagna delimita lo spazio poroso dell’apertura, dall’altro lo spazio ermetico della chiusura. In tal senso la Grande Guerra, combattuta fra le montagne del Trentino, rafforza l’immagine di una frontiera in cui le montagne sono state teatro di scontro fra uomini, spesso figli dello stesso territorio. Il volume ripercorre i sentieri, dal Tonale alle Dolomiti, raccontando una grande lezione di storia, di geografia politica e di vita vissuta, attraverso foto dell’epoca, attuali e piante del territorio. Splendidamente illustrato con fotografie e cartine a colori.

    Rilegato, 18,5 x 20,5 cm. pag. 227 completamente illustrato con Centinaia di foto a colori, foto d’epoca b/n e dettagliate mappe

    Stampato nel 2013 da Artimedia

    Quick view
  • 0 out of 5

    Alla scoperta del Forte di Fuentes

    20.00

    Il Forte di Fuentes difese il Lario dalla penetrazione a fondo delle Tre Leghe Grigie (i Grigioni), e fece sì che da quel baluardo gli svizzeri (come li chiamiamo oggi), arretrassero fino agli attuali confini. Non solo: il Forte di Fuentes diede filo da torcere a tutti gli invasori, compresi quelli che, alla fine, ne vinsero la resistenza. “Alla scoperta del Forte di Fuentes” restituisce in modo semplice e immediato gli sfarzi, le trame politiche e religiose, le bellezze e le rovine di un frammento importante della storia e del territorio Lecchese ma non solo. Posto in sapiente posizione strategica, il compendio di Fuentes ebbe infatti un ruolo di baluardo, di difesa, di dominio di un territorio molto più vasto di quanto può spaziare la vista stando sugli spalti del Forte.

    Brossura, 13 x 21 cm. pag. 158 illustrato

    Stampato nel 2015 da Macchione

    Quick view
  • 0 out of 5

    Ancient and Medieval Siege Weapons – A Fully Illustrated Guide to Siege Weapons and Tactics

    39.00

    Questa bellissima opera ricrea e analizza le armi da assedio di Egitto, Giudea, Assiria, Persia, Grecia e Roma, quelle dei Galli e dei Teutoni, dell’Impero Bizantino, del mondo islamico e dell’Europa medioevale. Il lavoro, completato da un utilissimo glossario, basato sui testi di autori antichi e medioevali come Vitruvio, Vegetio, Apollodoro, Filone, e molti altri, offre un’ampia visione di queste armi da assedio descritte in modo assolutamente dettagliato e accompagnate da illustrazioni e fotografie. Diversi capitoli inoltre sono specificatamente dedicati alla storia della guerra da assedio, ai differenti stratagemmi, metodi e strategie di attacco e difesa.

    Cartonato con sovracopertina, 19,5 x 24 cm. pag. 306 illustrato con circa 159 disegni e 29 foto b/n + 24 pagine fuori testo con 47 tavole a colori

    Testo in lingua inglese

    Stampato nel 2006 da Spellmount

    Quick view
  • 0 out of 5

    Archaeology of the Military Orders – A Survey of the Urban Centres, Rural Settlement and Castles of the Military Orders in the Latin East (C.1120-1291)

    49.00

    Questo volume all’avanguardia presenta una dettagliata discussione, basata sulle ricerche archeologiche, dei cinque ordini militari che operarono nei regni latini d’oriente in seguito alle crociate: gli Ospitalieri i Templari, i Cavalieri Teutonici, i Cavalieri del Lebbroso di San Lazzaro e i Cavalieri di San Tommaso. Il libro mostra in dettaglio le varie tipologie di architetture fortificate dei vari ordini, e in particolare degli ospedali di Gerusaleme e di san Giovanni d’Acri. Pone in evidenza, la derminante importanza degli ordini militari per lo sviluppo delle opere fortificate in terrasanta. Le tre principali sezioni del libro sono costituite da capitoli relativi ai quartieri urbani degli Ordini a Gerusalemme, Acri e in altre città, i loro numerosi possedimenti rurali, e le decine di castelli costruiti, acquistati e ampliati nei secoli XII e XIII. Uno studio altamente illustrato e dettagliato, indispensabile per chi si occupa di studiare le strutture fortificate di quel periodo e gli stessi ordini monastici.

    Brossura, pag. 18 x 25,5 cm. 318 con numerose mappe e planimetrie b/n

    Testo in lingua inglese

    Stampato nel 2008 da Routledge

    Quick view
  • 0 out of 5

    Architecture in Roman Britain

    14.00

    Paragonado i reperti architettonici romani ritrovati negli scavi esistenti in Gran Bretagna a quelli trovati in costruzioni molto meglio conservate nel resto dell’Europa e in nord Africa, è possibile ricostruire molti esempi di questa architettura. Questo libro offre un ampio sguardo su incredibili costruzioni romane, da quelle per la pubblica amministrazione ai templi, da ambiziose costruzioni private a fortificazioni militari. Attraverso le fotografie dei siti e accurati disegni il volume, accompagnato da un comodo glossario, ci mostra fortificazioni, basiliche, teatri, bagni, archi, templi, ville e ponti.

    Brossura, 15 x 21 cm. pag. 72 con 56 illustrazioni b/n

    Testo in lingua in lingua inglese

    Stampato nel 2002 da Shire Publications

    Quick view
  • 0 out of 5

    Architetti e ingegneri militari in Piemonte tra ‘500 e ‘700

    50.00

    Il volume raccoglie le biografie di oltre 300 esperti nell’arte di produrre opere atte alla difesa del territorio piemontese, nell’arco di tempo che va dalla metà del secolo XVI all’età napoleonica. I personaggi esaminati, sono progettisti e costruttori di fortezze e cittadelle, rilevatori di città e territori, esperti cartografi, autori di trattati teorici sul modo di edificare le architetture per la guerra, il tutto affiancato all’attività di ufficiali nei vari eserciti operanti in Piemonte. Il territorio preso in esame è quello dell’attuale regione, nei secoli frantumata tra varie appartenenze politiche, quali i Ducati di Savoia e Milano, il Monferrato, la Repubblica di Genova. Questa peculiarità permette di mettere a confronto esperienze in vari ambiti degli ingegneri militari, tecnici spesso al servizio di padroni diversi nel tempo. La parte iconografica è davvero di altissimo livello.

    Rilegato con sovracopertina, 24 x 31,5 cm. pag. 408 con circa 164 illustrazioni b/n e 28 illustrazioni a colori

    Stampato nel 2008 da Omega Edizioni

    Quick view
  • 0 out of 5

    Architetti e ingegneri militari italiani all’estero dal XV al XVIII secolo Vol. I

    30.99

    Con questa iniziativa editoriale l’Istituto Italiano dei Castelli intende realizzare una collana di studi monografici dedicati sia alla considerazione storica e critica di singoli monumenti o gruppi di edifici fortificati, sia alla enunciazione teorica o statistica di problemi castellani. La realizzazione di questo programma promette sorprendenti rivelazioni anche nei confronti della storiografia architettonica per i numerosi addentellati di natura strutturale e artistica sino qui rimasti sconosciuti. Studiosi qualificati sono chiamati ad esporre le possibili conclusioni scientifiche della loro indagine, tracciando la storia critica di ogni singolo o complessivo fenomeno nel settore della difesa statica sulla base di precise ricerche architettoniche, di indagine diretta sul monumento e con l’ausilio di una documentazione grafica e illustrativa di ineccepibile probità. Opere quali le architetture fortificate devono la loro importanza alla necessità pratica degli Stati di difendere il proprio ambito territoriale. Uno Stato e la sua identità, sono intimamente connessi al territorio: difendendo questo, lo Stato garantisce e legittima la sua stessa esistenza. Questo l’ indirizzo concettuale e scientifico che guida alla conoscenza del patrimonio delle difese bastionate, realizzato dagli architetti e ingegneri militari italiani fuori della nostra penisola tra il secolo XV e XVIII.

    Brossura, 21 x 30 cm. pag. 240 con circa 107 illustrazioni b/n

    Stampato nel 1994 da Sillabe

    Quick view
  • 0 out of 5

    Architetti e ingegneri militari italiani all’estero dal XV al XVIII secolo Vol. II

    44.00

    Con questa iniziativa editoriale l’Istituto Italiano dei Castelli intende realizzare una collana di studi monografici dedicati sia alla considerazione storica e critica di singoli monumenti o gruppi di edifici fortificati, sia alla enunciazione teorica o statistica di problemi castellani. La realizzazione di questo programma promette sorprendenti rivelazioni anche nei confronti della storiografia architettonica per i numerosi addentellati di natura strutturale e artistica sino qui rimasti sconosciuti. Studiosi qualificati sono chiamati ad esporre le possibili conclusioni scientifiche della loro indagine, tracciando la storia critica di ogni singolo o complessivo fenomeno nel settore della difesa statica sulla base di precise ricerche architettoniche, di indagine diretta sul monumento e con l’ausilio di una documentazione grafica e illustrativa di ineccepibile probità. Opere quali le architetture fortificate devono la loro importanza alla necessità pratica degli Stati di difendere il proprio ambito territoriale. Uno Stato e la sua identità, sono intimamente connessi al territorio: difendendo questo, lo Stato garantisce e legittima la sua stessa esistenza. Questo l’ indirizzo concettuale e scientifico che guida alla conoscenza del patrimonio delle difese bastionate, realizzato dagli architetti e ingegneri militari italiani fuori della nostra penisola tra il secolo XV e XVIII.

    Brossura, 21 x 30 cm. pag. 359 ricco apparato iconografico e bibliografico

    Stampato nel 19999 da Sillabe

    Quick view
  • 0 out of 5

    Architetti e ingegneri militari nel Gran Ducato di Toscana – Formazione professione carriera

    22.00

    Alla fine del Cinquecento si disegnava chiaramente l’ambito di operatività del tecnico il cui ruolo non poteva interferire con le scelte decisionali riservate all’autorità principesca e di governo. D’altra parte la sudditanza dell’ingegnere militare rispondeva a fondamentali esigenze di stato quali la fedeltà e la segretezza. Questo libro è proprio dedicato alla peculiarità dei rapporti tra il principe e i suoi architetti, alla distinzione tra architetti militari e tecnici di stato impegnati nella costruzione e manutenzione di ponti e strade, controlli di proprietà e confini; distinzione che tende ad annullarsi e a rendere intercambiabili i ruoli. Il volume è accompagnato da uno spesso corpus di documenti e materiali inediti, nonchè da splendide tavole a colori e fotografie fatte sul campo.

    Brossura, 21 x 29,5 cm. pag. 142 con circa 40 illustrazioni b/n e colori e XLVI tavole a colori

    Stampato nel 2007 da Edifir

    Quick view
  • 0 out of 5

    Arms Armies and Fortifications in the Hundred Years War

    30.00

    Questo volume abbraccia la guerra più lunga mai combattuta sul continente europeo, in tutti i suoi aspetti, dalle grandi battaglie epocali di Crecy e Agincourt alle terre saccheggiate, alle popolazioni vessate. Ciò che rende questo libro diverso dai precedenti studi che evidenziano solo le grandi battaglie è l’utilizzo di prove meno usuali, come ad esempio gli atti amministrativi e l’archeologia del paesaggio, per ottenere un quadro “più vero” delle realtà della guerra medievale. Da una revisione generale delle tattiche di battaglia, il libro si trasforma in esame dettagliato, analizzando una serie di questioni: la composizione dell’esercito inglese, la gestione degli affari in Aquitania, la mobilitazione in Inghilterra per la guerra e la conseguente propaganda, e, elemento molto importante, l’impatto della guerra sulle comunità locali. Vengono analizzate attentamente le armi, i manufatti e le fortificazioni, nonche le operazioni navali e di assedio.

    Brossura, 16 x 23 cm. pag. 246 con circa 38 illustrazioni

    Testo in lingua inglese

    Stampato nel 2009 da Boydell Press

    Quick view
  • 0 out of 5

    Artiglieria da trincea Austro Ungarica e Germanica Vol. 1 – Tecnica dei materiali

    25.00

    Un volume indispensabile per studiosi, collezionisti, esperti di militaria e soprattutto per storici. Completamente illustrato con fotografie originali e, soprattutto, con innumerevoli disegni tecnici – spaccati, schede e rilevazioni di tiro non solo dei pezzi di artiglieria ma anche di tutte le spolette e le differenti munizioni – questo autentico manuale offre tutta la produzione di artiglieria da trincea dell’industria bellica austro ungarica e germanica per l’uso in prima linea ad appoggio della fanteria e delle squadre d’assalto, dalle bombarde ad aria compressa a quelle a tiro rapido, dai lanciabombe a mano al tromboncino da fucile. Il volume è completato da una bella bibliografia e da un minimo dizionario.

    Brossura, 17 x 24 cm. pag. 194 interamente illustrato con foto e disegni b/n

    Stampato nel 2011 da Gaspari

    Quick view
  • 0 out of 5

    Atlantikwall – Von Frankreich bis Norwegen. – Bollwerk des Reiches. Zeitgeschichte in Farbe

    29.00

    Lavoro appartenente ad una serie di monografie chiamate “Zeitgeschichte in Farbe” – Storia contemporanea a colori – che raccontano la storia attraverso impressionanti fotografie originali a colori, presenta in questa prima seconda dedicata al Vallo Atlantico, baluardo del Reich, le fortificazioni delle coste atlantiche della Francia. Le fotografie mostrano la costruzione e il successivo utilizzo di quelle poderose costruzioni in cemento armato che ancora oggi sono visibili dal confine spagnolo fino alle coste della Manica: bunker, basi di sommergibili e barriere antisbarco.

    Rilegato, 21,5 x 30 cm. pag. 156 completamente illustrato a colori

    Testo in lingua inglese

    Stampato nel 2014 da Pour Le Merite

    Quick view
  • 0 out of 5

    Atlantikwall-Typenheft. Atlantic Wall Typology. – Typologie du Mur de l’Atlantique

    27.50

    Enciclopedia tascabile sulle fortificazioni tedesche del Vallo Atlantico della IIGM. Divisa per tipologia di fortificazione e di bunker, fornisce dati essenziali sulla posizione, la planimetria, la funzione, le dimensioni.

    Brossura, 11 x 14 cm. pag. 432 illustrato con circa 500 tra foto, planimetrie e schemi tecnici b/n

    Testo in lingua olandese-fiammingo, inglese, francese

    Stampato nel 2008 da PRAK publishing Middelburg

    Quick view
  • 0 out of 5

    Atlantikwall. Bollwerk des Reiches 1942-44

    29.00

    Appartenente ad una serie di monografie chiamata “Zeitgeschichte in Farbe” – Storia contemporanea a colori – che raccontano la storia attraverso impressionanti fotografie originali a colori, presenta in questa prima parte dedicata al Vallo Atlantico, baluardo del Reich, le fortificazioni delle coste atlantiche della Francia. Le fotografie mostrano la costruzione e il successivo utilizzo di quelle poderose costruzioni in cemento armato che ancora oggi sono visibili dal confine spagnolo fino alle coste della Manica: bunker, basi di sommergibili e barriere antisbarco.

    Cartonato 21 x 30,5 cm. pag. 158 interamente illustrate con foto a colori

    Testo in lingua tedesca

    Stampato nel 2012 da Arndt

    Quick view
  • 0 out of 5

    Attraverso le Dolomiti su vecchi sentieri di guerra

    19.90

    I vecchi sentieri di guerra delle Dolomiti offrono un connubio eccezionale di montagne spettacolari e testimonianze storiche. Con 30 itinerari escursionistici opportunamente selezionati, Eugen E. Hüsler, profondo conoscitore di queste cime, ci accompagna attraverso i luoghi più incantevoli dei “monti pallidi”, gli stessi che sono stati teatro della Prima Guerra Mondiale e che ne portano ancora i segni. Sulla Marmolada, sulle Dolomiti Ampezzane e sulle Dolomiti di Sesto è possibile intuire ancor oggi l’impressionante portata di questa guerra di posizione. Ogni itinerario è arricchito da una cartina dettagliata del percorso e da numerose immagini, in parte a carattere storico.

    Brossura, 16,5 x 23,5 pag. 1434 illustrato con circa 143 foto a colori e 30 cartine

    Stamapato nel 2012 da Athesia

    Quick view
  • 0 out of 5

    Austriaci in trincea nella Grande Guerra

    18.00

    l libro è tratto da manuali del servizio informazioni italiano e da manuali militari austro-ungarici. Descrive ed illustra, con numerose fotografie e schemi, la vita in trincea del soldato austro-ungarico durante la “Grande Guerra”. Alcuni degli argomenti trattati sono la costruzione, la difesa e l’attacco della trincea, il servizio in prima linea, l’addestramento e l’equipaggiamento del soldato, l’organizzazione delle sturmtruppen, l’artiglieria, il fronte in alta quota e i primi utilizzi dei mezzi blindati.

    Brossura 16,5 x 23,5 cm. pag. 164 con 147 foto b/n e 67 disegni

    Stampato nel 2006 da Rossato

    Quick view
  • 0 out of 5

    Baluardi di pietra. Storia delle fortificazioni di Cagliari

    15.00

    L’Autore propone una lettura-ricostruzione inerente la cinta muraria di Cagliari e ne individua il legame storicizzato frofondamente, con le culture materiali dei diversi periodi della storia di Cagliari. Una esposizione così sistematica e minuziosa non era ancora stata sviluppata, e la trattazione rigorosamente scientifica, è anche un tentativo di rileggere ed interpretare la storia della città sarda. Buon apparato iconografico costituito da fotografie e disegni al tratto.

    Brossura, 17 x 23,5 cm. pag. 240 illustrato con numerose foto e cartine b/n

    Stampato nel 2003 da Aipsa Edizioni

    Quick view
  • 0 out of 5

    Battaglie senza monumenti Panowitz San Marco e Vertojba – Itinerari sconosciuti in Slovenia alla riscoperta delle imprese degli arditi di Bassi

    12.00

    A est di Gorizia il sistema difensivo austriaco bloccò ogni velleità dei Comandi italiani di giungere per quella via nella pianura di Lubiana. La zona del Panowitz – San Marco e Vertojba, ricca di boschi e acque divenne spoglia come il Carso e teatro di furibonde battaglie. Costone degli Ovoli, Belpoggio, Cuore – tutte località dal nome bucolico – divennero carnai per i fanti che cercavano di superare quelle formidabili trincee. Fu proprio per rompere quello schieramento che vennero impiegate le prime compagnie degli arditi costituite prima a Pradis di Cormòns e poi a Sdricca di Manzano.

    Brossura, 11,5 x 20,5 cm. pag. 152 con circa 55 foto b/n, 13 mappe b/n e 10 mappe a colori

    Stampato nel 2005 da Gaspari

    Quick view
  • 0 out of 5

    Bombardano Milano – Rifugio Antiaereo n. 87

    25.00

    Breve introduzione sulla storia del bombardamento aereo, seguita dall’anlisi dettagliata di struttura e impiego del Ricovero 87, nei sotterranei dell’attuale Scuola Elementare Giacomo Leopardi. Testimonianze e documenti integrano il testo. 149 immagini tra foto attuali, d’epoca e documenti vari

    Brossura, 15 x 21 cm. pag. 244 con circa 149 immagini tra foto attuali, d’epoca e documenti vari

    Stampato nel 2020

    Quick view
  • 0 out of 5

    Building for Battle – Hitler’s D-day Defences

    35.00

    Dopo quasi due anni di pianificazione e preparazione accurata, l’Operazione Overlord, l’invasione alleata del continente europeo, fu posta in essere nelle prime ore del 6 giugno 1944. Avrebbe dovuto essere un evento chiave che doveva portare alla fine del Secondo Guerra mondiale e alla vittoria per le forze alleate. L’invasione stessa era incentrata sulla più grande operazione di sbarco anfibia della storia. Coinvolse 7000 navi militari, 3000 aerei, 17000 paracadutisti americani e britannici e migliaia di personale militare aggiuntivo. Ciò che attendeva le forze di sbarco alleate, era una continua, seppur molto incompleta, serie di opere fortificare, presidiate da centinaia di migliaia di uomini che si estendeva da Capo Nord fino al Golfo di Biscaglia. Quella parte delle difese tedesche tra Caen a est e Cherbourg a ovest era particolarmente minacciosa, in gran parte dovuta alla pianificazione e alle implementazioni volute dal Feldmarschall Erwin Rommel, nominato da Hitler responsabile della difesa del vallo. Il libro analizza le 5 aree di sbarco alleate, concentrandosi sui vari aspetti delle fortificazioni tedesche, sui tipi di sistemi difensivi impiegati e sui risultati pratici ottenuti dai due contendenti.

    Rilegato, 18 x 25 cm. pag. 176 quasi completamente illustrato con foto a colori e b/n

    Testo in lingua inglese

    Stampato nel 2017 da Pen & Sword

    Quick view
  • 0 out of 5

    Bunker – I rifugi antiaerei della Breda Aeronautica di Sesto San Giovanni

    12.00

    I bunker della Breda a Sesto San Giovanni furono costruiti durante la Seconda Guerra Mondiale per proteggere i lavoratori dai bombardamenti alleati. Il 30 aprile 1944 lo stabilimento venne raso al suolo nel corso di un attacco aereo, negli anni ’50 la Breda aeronautica interruppe la produzione, avviando il processo di dismissione del Nord Milano. I bunker, sopravvissuti allo smantellamento degli stabilimenti produttivi, oggi sono parte del Parco Nord Milano e sono un landmark delle trasformazioni che interessano le metropoli occidentali nel corso degli ultimi 70 anni. Dal 2009 Ecomuseo Urbano Metropolitano Milano Nord promuove la valorizzazione dei bunker, sperimentando sistemi innovativi di fruizione del patrimonio culturale con la partecipazione dei cittadini a eventi, visite, allestimenti, performances artistiche, con testimonianze individuali e collettive di quanti hanno vissuto la guerra, la Resistenza, la stagione delle fabbriche, in una coinvolgente narrazione collettiva, restituita efficacemente nel volume e nel dvd allegato.

    Brossura, 14 x 14 cm. pag. 72 completamente illustrato con foto b/n e colori. Allegato DVD con filmati e documentari

    Stampato nel 2013 da Squilibri

    Quick view
  • 0 out of 5

    Bunker – Il grande monolite di cemento armato tra prefettura e provincia di Milano

    20.00

    Il Bunker, costruito nel 1943 per rispondere alle esigenze belliche, fa parte a pieno titolo della storia dell’Architettura italiana. La struttura in cemento armato è suddivisa in due piani, uno sotterraneo e l’altro seminterrato, ed è mascherata tra i giardini di Palazzo Diotti, sede della Prefettura, e Palazzo Isimbardi, sede della Provincia di Milano. Percorrendone le stanze si possono vedere gli impianti di aerazione, filtrazione e rigenerazione dell’aria prodotti dalla Società Anonima Aeromeccanica Marelli e il passo si fra cauto perché procede sulla storia di una Milano di altri tempi. Il Bunker rimane oggi il testimone di un’epoca e come tale deve indurre a profonde riflessioni sulla stessa, in primo luogo per evitare che si torni ad un nuovo stato di guerra.

    Brossura, 17 x 24 cm. pag. 80 con illustrazioni b/n + 24 pagine fuori testo con foto a colori a colori

    Stampato nel 2016 da Lo Scarabeo

    Quick view
  • 0 out of 5

    Bunker – La difesa di Augusta

    20.00

    A grande richiesta il secondo volume della serie BUNKER che con tante foto a colori e tante foto d’epoca inedite complete di mappe, rilievi e schemi originali analizza le difese di AUGUSTA che con SIRACUSA formava la grande piazzaforte Augusta-Siracusa.

    Brossura, 16 x 23 cm. pag. 176 completamente illustrato con foto b/n e colori

    Stamapto nel 2019 da Edizioni Ardite

    Quick view
  • 0 out of 5

    Bunker – La difesa di Siracusa

    20.00

    Il nuovo libro di Lorenzo Bovi e Alberto Moscuzza analizza punto per punto le principali batterie di cannoni navali e antiaerei con incluse molte fotografie inedite del 1943. Spaccati e piante dei siti si abbinano alle tante fotografie a colori realizzate oggi sugli stessi luoghi. Le coordinate satellitari forniscono anche utili riferimenti per trovare i luoghi riportati, specialmente quelli da raggiungere a piedi. Bunker, fortini, trincee, depositi scavati nelle montagne e per chiudere la mitica batteria “Opera A” da 381mm che viene spiegata in ogni dettaglio con foto, planimetrie e spaccati, per quello che potrebbe diventare il Museo Storico della Seconda Guerra Mondiale più importante in Sicilia

    Brossura, 16 x 22,5 cm. pag. 176 completamente illustrato con foto b/n e colori

    Stampato nel 2018 da Morrone Editore

    Quick view
  • 0 out of 5

    Bunker Tour – Linea Gotica

    16.00

    La guida ai Bunker e alle fortificazioni tedesche della Linea Gotica consente al turista appassionato di storia e archeologia militare diverse visite in autonomia o valendosi di appositi “Bunker Tour” organizzati da alcune Associazioni e guide turistiche. Partendo dalla costa tirrenica per poi risalire le montagne dell’Appennino centrale e per finire al cosiddetto ” Vallo Adriatico” anche definito la “Normandia d’Italia”. La guida presenta oltre i confini della Linea Gotica anche l’occasione per conoscere alcuni bunker delle capitali europee ed alcune interessanti fortificazioni della ” guerra fredda” in Adriatico.

    Brossura, 21 x 30 cm. pag. 60 riccamente illustrato con foto a colori e b/n

    Stampato nel 2017 da GRB

    Quick view
  • 0 out of 5

    Burgen und Wehranlagen – Von der Antike bis Ende des 20. Jahrhunderts

    13.00

    Libro a carattere generale che fa un escursus storio sui castelli e le opere fortificate a partire dall’antichità per arrivare al XX secolo. I castelli e le fortezze vengono rappresentati con uno “sfondo storico” atraverso fotografie e disegni.

    Rilegato, 23 x 31 cm. pag. 192 illustrato con circa 400 foto in b/ e alcune a colori

    Testo in lingua tedesca

    Stampato nel 1992 da Weltbild Verlag

    Quick view
  • 0 out of 5

    Castel Del Monte – Un castello medievale

    40.00

    I saggi raccolti in questo lavoro, muovono dall’esigenza “di restituire a Castel del Monte la sua ricchezza di maniero dai molteplici segni e dalle molteplici funzioni, anzi, ancor più e ancor prima, la sua stessa natura di “castello medievale”, due termini che nell’ultimo ventennio, in relazione all’ottagono federiciano, sono stati dapprima banalizzati, quindi caricaturizzati, poi definitivamente accantonati o negati. Ribadire che il castrumomen nomen, è un edificio castellare, un magnifico castello polifunzionale, voluto da un imperatore vissuto nel secolo XIII, costruito con tecniche duecentesche e non estraneo al più vasto sistema castellare perfezionato dallo Svevo come strumento di governo, può apparire operazione superflua.

    Rilegato con sovracopertina e cofanetto 24 x 30 cm. pag. 190 interamente illustrato con oltre 150 foto a colori e piani costruttivi

    Stampato nel 2002 da Adda Editore

    Quick view
  • 0 out of 5

    Castelli angioini e aragonesi nel regno di Napoli

    30.00

    E’ la prima volta che viene tentata un’analisi complessiva dell’architettura fortificata sul territorio dell’Italia centro-meridionale, corrispondente all’estensione dell’antico regno di Napoli. Al giudizio critico sulla produzione architettonica, che si è estesa in un territorio comprendente quasi metà della penisola italiana (Abruzzo, Molise, Puglia, Campania e basso Lazio, Basilicata, Calabria), è stata premessa un’analisi del contesto storico e dell’evoluzione che l’architettura fortificata ha avuto nel passaggio dal Medioevo al Rinascimento, non tralasciando l’esame dei documenti dell’epoca relativi all’organizzazione difensiva ed all’amministrazione statale dei castelli. La documentazione iconografica, 255 tra fotografie e disegni, nel suo carattere unitario, è l’unica oggi esistente.

    Rilegato, 21 x 29 cm. pag. 260 con circa 255 foto e cartine b/n e colori

    Stampato nel 1982 da Rusconi

    Quick view
  • 0 out of 5

    Castelli d’Europa

    38.00

    Lo scopo principale del volume è quello di raccontare come il castello sia nato, si sia sviluppato ed evoluto in Europa, durante un arco di tempo lungo un millennio. A seconda dei casi le analisi, prevalentemente cronologiche, sono di due tipi: quelle che considerano precise aree storico-geografiche (spesso non coincidenti con gli attuali confini nazionali); quelle che seguono un “percorso trasversale”, considerando più aree storico-geografiche (oggi tra loro separate). I castelli europei considerati nel volume si trovano oggi in: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Romania, Iugoslavia, Slovenia, Spagna, Svezia…

    Brossura 21 x 30 cm. pag. VIII + 248 con oltre 1000 disegni b/n

    Stampato nel 2000 da Hoepli

    Quick view
  • 0 out of 5

    Castelli di Francia

    25.00

    Siete invitati a una visita eccezionale. Visti dal cielo, castelli e fortezze appaiono in tutta la loro grandezza. Troneggianti orgogliosamente su un picco roccioso, incorniciati da sontuosi giardini, delicatamente posati in uno scrigno di verzura o sul pelo dell’acqua, si rivelano in tutto il loro splendore. Versailles, Chambord, Amboise, Najac, Montségur. Dal nord al sud della Francia scoprirete da un punto di vista inconsueto i castelli catari, le fortezze della guerra dei Cent’Anni, i palazzi del Rinascimento e i gioielli del secolo di Luigi XIV. Regione per regione, utili mappe stradali vi permetteranno inoltre di individuare i diversi castelli presenti sul territorio. Castelli di Francia non è solo un prezioso coffee table book; è il compagno ideale per un viaggio turistico oltralpe.

    Rilegato, 30 x 30 cm. pag. 160 illistrato con circa 300 foto panoramiche a colori

    Stampato nel 2014 da L’Ippocampo

    Quick view
  • 0 out of 5

    Castelli di pietre – Aspetti formali e materiali dei castelli crociati nell’area di Petra in Transgiordania

    20.00

    Il volume propone una lettura e un’interpretazione archeologica degli edifici più importanti emersi dallo scavo curato dalla missione dell’Università di Firenze “Petra ‘medievale’. Archeologia degli insediamenti di epoca crociato-ayyubide in Transgiordania”. Il primo capitolo illustra la rappresentazione dei castelli e la valle di Petra. Nel secondo si analizzano i castelli di Shoubak, Habis e Wu’Ayra. Il terzo tratta degli ambienti, delle murature e delle chiese fortezza dei castelli della valle. L’insediamento protostorico di Wu’Ayra e il Palazzo Ayyubide sono l’argomento del quarto. Nell’ultimo si tratta della metodologia operativa del rilievo archeologico, della base topografica per il rilievo dei castelli, del controllo e dell’archiviazione dei dati.

    Brossura 24 x 31 cm. pag. 240 illustrate a colori e b/n

    Stampato nel 2004 da Polistampa

    Quick view
  • 0 out of 5

    Castelli medievali d’Europa

    90.00

    Questo volume presenta il particolare modo con cui esigenze di controllo del territorio, di difesa personale e di abitazione sono state affrontate dalla nobiltà nel Medioevo. L’autore afferma la necessità di collegare i dati architettonici e archeologici con lo sviluppo complessivo della società medievale e con le forme di organizzazione del potere, al fine di escludere un affronto puramente tecnico che tenderebbe inevitabilmente all’analisi dei soli caratteri difensivi dei manufatti. In una prospettiva ampiamente europea, dal Baltico al mar Mediterraneo, dalla Spagna ai Balcani, il volume presenta per ogni periodo storico e regione per regione, i castelli e i resti archeologici di maggior rilievo.

    Rilegato, 24,5 x 30 cm.pag. 288 con circa 255 illustrazioni a colori

    Stampato nel 2005 da Jaca Book

    Quick view
  • 0 out of 5

    Castelli senza confine Vol. 3 – Un viaggio tra le opere fortificate di Carinzia, Canal del Ferro-Valcanale e Penisola d’Istria

    34.00

    Una serie di percorsi inediti tra la Carinzia, il Canal del Ferro ed il Tarvisiano oltre alla penisola d’Istria. Dieci anni di ricerche e sopralluoghi per descrivere attraverso gli itinerari le strutture fortificate in genere ma anche i casi particolari e di sicuro interesse storico come per esempio le chiesette votive con il notevole patrimonio artistico presente al loro interno. Un ricco apparato didascalico, fotografico, iconografico e bibliografico facilitata la ricerca e l’approfondimento dei vari luoghi storici al singolo fruitore di queste pagine.

    Brossura, 17 x 24 cm. pag. 383 con illustrazioni a colori

    Stampato nel 2017 da Gaspari

    Quick view
  • 0 out of 5

    Castelli torri ed opere fortificate di Puglia

    42.00

    Questa quarta edizione dell’opera di Raffaele De Vita, pubblicata postuma nel 1974, si ripropone come l’unico, più esteso e sistematico lavoro di registrazione delle opere fortificate della regione Puglia per la salvaguardia dei monumenti fortificati. La prima parte dell’opera è composta da diverse sezioni: i Castelli, le Torri, le Città fortificate della Puglia preistorica, le Cinte fortificate dei centri urbani, le Masserie fortificate. Ogni sezione è introdotta da un discorso storico-analitico cui seguono le schede storiche dei monumenti più importanti o scelti tipologicamente. La seconda parte comprende due saggi a carattere generale, uno sugli Aspetti funzionali e urbanistici dell’architettura militare ed uno sulle Componenti della cultura federiciana nella genesi dei castelli svevi. L’opera, accompagnata da fotografie, rilievi e piantine, è completata da una ricchissima bibliografia di storia locale riguardante la castellologia.

    Rilegato con sovracopertina, 24 x 22,5 cm. pag. 510 con circa 588 foto e disegni b/n + 79 a colori

    Stampato nel 2001 da Adda Editore

    Quick view
X