Silenzio fuori ordinanza

10.50

Non è mia intenzione intraprendere una ricerca documentale o un’analisi strategica. Sono invece spinta da un’intensità emotiva per ritrovare, tra gli scoppi delle granate e il rombo degli aerei, la cara voce paterna. Ma scrivere su di Lui significa, oltre a riproporre quegli avvenimenti bellici ai quali partecipò, evidenziarne le qualità e le capacità unitamente alla sua lealtà, al suo rigore e alla sua determinazione che sono le caratteristiche degli uomini onesti e dei militari valorosi e coraggiosi. Non rimase mai passivo o indifferente nei momenti di particolare tensione o di pericolo e reagì da Soldato quando, solo pochi anni più tardi e durante la disfatta di El-Alamein, fu abbandonato in pieno deserto insieme ai suoi uomini e senza mezzi di trasporto dal Comandante del X° Corpo d’Armata che si era dato a precipitosa fuga, o quando, in America, fu sbeffeggiato dai camerati fascisti, presso i quali fu internato per alcuni mesi, perché in viso a certe altre personalità che non gli perdonavano, dopo l’8 settembre, di non aver aderito alle richieste americane di collaborazione.

Brossura, 14,5 x 20 cm. pag. 127 con circa 20 foto b/n

Stampato nel 2011 da Greco & Greco

1 disponibili

Qty:
COD: SB01605 Categoria:

Descrizione

Anna Maria Converso 

Non è mia intenzione intraprendere una ricerca documentale o un’analisi strategica. Sono invece spinta da un’intensità emotiva per ritrovare, tra gli scoppi delle granate e il rombo degli aerei, la cara voce paterna. Ma scrivere su di Lui significa, oltre a riproporre quegli avvenimenti bellici ai quali partecipò, evidenziarne le qualità e le capacità unitamente alla sua lealtà, al suo rigore e alla sua determinazione che sono le caratteristiche degli uomini onesti e dei militari valorosi e coraggiosi. Non rimase mai passivo o indifferente nei momenti di particolare tensione o di pericolo e reagì da Soldato quando, solo pochi anni più tardi e durante la disfatta di El-Alamein, fu abbandonato in pieno deserto insieme ai suoi uomini e senza mezzi di trasporto dal Comandante del X° Corpo d’Armata che si era dato a precipitosa fuga, o quando, in America, fu sbeffeggiato dai camerati fascisti, presso i quali fu internato per alcuni mesi, perché in viso a certe altre personalità che non gli perdonavano, dopo l’8 settembre, di non aver aderito alle richieste americane di collaborazione.

Brossura, 14,5 x 20 cm. pag. 127 con circa 20 foto b/n

Stampato nel 2011 da Greco & Greco 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Silenzio fuori ordinanza”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.