Il Vello dei Buoni

18.00

Manuela Marchese

Il concetto di bontà umana si estrinseca nella presenza di doti o qualità che incontrino approvazione dal punto di vista morale, di contro il concetto di cattiveria si esplicita nella disposizione a far del male, a recar danno al prossimo nelle sue cose o nelle sue espressioni. E così non è stato difficile, per coloro che impartiscono lezioni di verità supreme, etichettare storicamente buoni e cattivi assoluti. Qualunque storia, racconto o vicenda esposti con la finalità ben precisa di suscitare nel fruitore sentimenti tanto benevoli per un personaggio, quanto avversi per il suo antagonista, risulterà efficace se il narratore attribuirà ogni buona azione, buon proposito, appellativi favorevoli e altisonanti e magari una certa dose di vittimismo al primo e, contrariamente, perfidia, atti orribili e crudeli, malafede e cattiveria, appellativi dispregiativi e propensione al ruolo di carnefice al secondo. Si avrà così un buono da ammirare e un cattivo da biasimare e, facilmente, da odiare.

Brossura, 14 x 21 cm. pag. 128 con alcune foto b/n

Stampato nel 2022 da Effepi

1 disponibili

Qty:
COD: SB14464 Categorie: , Tag: ,

Descrizione

Manuela Marchese

Il concetto di bontà umana si estrinseca nella presenza di doti o qualità che incontrino approvazione dal punto di vista morale, di contro il concetto di cattiveria si esplicita nella disposizione a far del male, a recar danno al prossimo nelle sue cose o nelle sue espressioni. E così non è stato difficile, per coloro che impartiscono lezioni di verità supreme, etichettare storicamente buoni e cattivi assoluti. Qualunque storia, racconto o vicenda esposti con la finalità ben precisa di suscitare nel fruitore sentimenti tanto benevoli per un personaggio, quanto avversi per il suo antagonista, risulterà efficace se il narratore attribuirà ogni buona azione, buon proposito, appellativi favorevoli e altisonanti e magari una certa dose di vittimismo al primo e, contrariamente, perfidia, atti orribili e crudeli, malafede e cattiveria, appellativi dispregiativi e propensione al ruolo di carnefice al secondo. Si avrà così un buono da ammirare e un cattivo da biasimare e, facilmente, da odiare.

Brossura, 14 x 21 cm. pag. 128 con alcune foto b/n

Stampato nel 2022 da Effepi

Ti potrebbe interessare…