Guerriglia e controguerriglia

20.00

Antonio Pietra

Quest’opera prende in esame gli aspetti più direttamente militari della resistenza italiana, quindi le modalità operative faticosamente sviluppate dalla guerrigllia e le dottrine operative che i tedeschi avevano da tempo teorizzato.. I successi della guerriglia non sono considerati sotto il profilo etico, politico e sociale, ma soltanto all’interno di un bilancio militare, che, se vede da una parte i partigiani vittoriosi nel neutralizzare l’apparato militare di Salò, nel contribuire al logoramento delle risorse tedesche, dall’altra non può nascondere il fatto che a vincere la campagna d’Italia, nonostante la sproporzione di forze e la presenza dietro le loro linee del più forte movimento partigiano dell’Europa occidentale, furono i tedeschi, i quali riuscirono a menatenere il possesso della Padania fino all’aprile 1945. Viene inoltre analizzato che cosa abbia spinto quegli uomini a ingaggiarsi, quanto abbia contato l’addestramento ricevuto, la qualità di comando dei capi, lo spirito di corpo, l’indottrinamento subito e i rifornimenti e gli armamenti ricevuti.

Brossura 16 x 23,50 cm. pag. 264 con molte foto b/n

Stampato nel 1997 da Rossato

1 disponibili

Qty:
COD: SB01512 Categoria:

Descrizione

Antonio Pietra

Quest’opera prende in esame gli aspetti più direttamente militari della resistenza italiana, quindi le modalità operative faticosamente sviluppate dalla guerrigllia e le dottrine operative che i tedeschi avevano da tempo teorizzato.. I successi della guerriglia non sono considerati sotto il profilo etico, politico e sociale, ma soltanto all’interno di un bilancio militare, che, se vede da una parte i partigiani vittoriosi nel neutralizzare l’apparato militare di Salò, nel contribuire al logoramento delle risorse tedesche, dall’altra non può nascondere il fatto che a vincere la campagna d’Italia, nonostante la sproporzione di forze e la presenza dietro le loro linee del più forte movimento partigiano dell’Europa occidentale, furono i tedeschi, i quali riuscirono a menatenere il possesso della Padania fino all’aprile 1945. Viene inoltre analizzato che cosa abbia spinto quegli uomini a ingaggiarsi, quanto abbia contato l’addestramento ricevuto, la qualità di comando dei capi, lo spirito di corpo, l’indottrinamento subito e i rifornimenti e gli armamenti ricevuti.

Brossura 16 x 23,50 cm. pag. 264 con molte foto b/n

Stampato nel 1997 da Rossato 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Guerriglia e controguerriglia”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.