Communists – L’accordo fra il PCI e lo spionaggio Usa (1943 – 1945)

26.00

Avvalendosi dei documenti dell’OSS declassificati dopo la caduta del muro di Berlino ed incrociandone i dati con la storiografia resistenziale, l’A. ricostruisce un aspetto dell’invasione angloamericana dell’Italia che la mitologia partigiana e la retorica della “Liberazione” hanno sempre cercato di occultare: la stretta collaborazione che negli anni 1943-1945 mise i comunisti italiani al servizio degli americani. In esecuzione di un accordo stipulato tra i capi dello spionaggio americano e i vertici del PCI, quest’ultimo fornì all’invasore militanti scelti, i quali vennero organizzati e coordinati da agenti appartenenti al Partito Comunista degli USA.

Brossura, 15 x 21 cm. pag. 260 alcune illustrazioni b/n

Stampato nel 2017 da Edizioni all’insegna del Veltro

1 disponibili

Qty:

Descrizione

Luca Tadolini

Avvalendosi dei documenti dell’OSS declassificati dopo la caduta del muro di Berlino ed incrociandone i dati con la storiografia resistenziale, l’A. ricostruisce un aspetto dell’invasione angloamericana dell’Italia che la mitologia partigiana e la retorica della “Liberazione” hanno sempre cercato di occultare: la stretta collaborazione che negli anni 1943-1945 mise i comunisti italiani al servizio degli americani. In esecuzione di un accordo stipulato tra i capi dello spionaggio americano e i vertici del PCI, quest’ultimo fornì all’invasore militanti scelti, i quali vennero organizzati e coordinati da agenti appartenenti al Partito Comunista degli USA.

Brossura, 15 x 21 cm. pag. 260 alcune illustrazioni b/n

Stampato nel 2017 da Edizioni all’insegna del Veltro

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Communists – L’accordo fra il PCI e lo spionaggio Usa (1943 – 1945)”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare…