Les Forces Blindes Hongroises

39.00

Eduardo Gil Martinez

Le azioni delle forze corazzate tedesche durante la Seconda Guerra Mondiale sono ben note al pubblico, in particolare per le numerose opere che le sono state dedicate. Quelle delle forze corazzate dei paesi alleati sono, invece, molto meno conosciute. Quest’opera espone il ruolo delle forze corazzate ungheresi che, nel corso del conflitto mondiale, riuscirono a costituire un corpo corazzato abbastanza potente da esercitare un ruolo decisivo sul fronte, sebbene destinato ad affrontare uno dei più terribili avversari del suo tempo: l’Armata Rossa. L’Ungheria non solo riuscì a organizzare le sue truppe corazzate per l’inizio del conflitto, sempre con il sostegno della Germania, ma la sua industria militare fu anche in grado di produrre diversi tipi di veicoli e armi per le proprie truppe. Infatti, l’industria ungherese, molto diversificata, sviluppò un’intera gamma locale di veicoli corazzati che, in alcuni casi, hanno mostrato prestazioni eccezionali in combattimento fino alla fine del conflitto. Nel volume, vengono presentati tutti i modelli realizzati. Nelle pagine, l’autore mette in evidenza la partecipazione dell’Ungheria al secondo conflitto mondiale grazie a una moltitudine di immagini fornite anche da veri esperti, come il ruolo delle forze corazzate ungheresi, dall’operazione “Barbarossa” ai combattimenti in Ucraina due anni dopo, poi durante la successiva ritirata nelle terre ungheresi dei Carpazi, la difesa di Budapest o gli ultimi scontri ungheresi in Austria o Slovenia, poco prima della capitolazione incondizionata della Germania. Questo libro evoca anche il terribile destino vissuto dagli appartenenti al coprpo corazzato ungherese dopo l’invasione sovietica dell’Ungheria, molti dei cui soldati e ufficiali furono inviati nei campi di concentramento sovietici per diversi anni.

1 disponibili

Qty:

Descrizione

Eduardo Gil Martinez

Le azioni delle forze corazzate tedesche durante la Seconda Guerra Mondiale sono ben note al pubblico, in particolare per le numerose opere che le sono state dedicate. Quelle delle forze corazzate dei paesi alleati sono, invece, molto meno conosciute. Quest’opera espone il ruolo delle forze corazzate ungheresi che, nel corso del conflitto mondiale, riuscirono a costituire un corpo corazzato abbastanza potente da esercitare un ruolo decisivo sul fronte, sebbene destinato ad affrontare uno dei più terribili avversari del suo tempo: l’Armata Rossa. L’Ungheria non solo riuscì a organizzare le sue truppe corazzate per l’inizio del conflitto, sempre con il sostegno della Germania, ma la sua industria militare fu anche in grado di produrre diversi tipi di veicoli e armi per le proprie truppe. Infatti, l’industria ungherese, molto diversificata, sviluppò un’intera gamma locale di veicoli corazzati che, in alcuni casi, hanno mostrato prestazioni eccezionali in combattimento fino alla fine del conflitto. Nel volume, vengono presentati tutti i modelli realizzati. Nelle pagine, l’autore mette in evidenza la partecipazione dell’Ungheria al secondo conflitto mondiale grazie a una moltitudine di immagini fornite anche da veri esperti, come il ruolo delle forze corazzate ungheresi, dall’operazione “Barbarossa” ai combattimenti in Ucraina due anni dopo, poi durante la successiva ritirata nelle terre ungheresi dei Carpazi, la difesa di Budapest o gli ultimi scontri ungheresi in Austria o Slovenia, poco prima della capitolazione incondizionata della Germania. Questo libro evoca anche il terribile destino vissuto dagli appartenenti al coprpo corazzato ungherese dopo l’invasione sovietica dell’Ungheria, molti dei cui soldati e ufficiali furono inviati nei campi di concentramento sovietici per diversi anni.

Rilegato, 21.5 x 30 cm. pag. 142 riccamente illustrato con foto b/n e alcune foto e profili a colori

Testo in lingua inglese

Stampato nel 2021 da Heimdal

Ti potrebbe interessare…