Il processo della Risiera di San Sabba – Messa in scena per uno sterminio

15.00

Dal fatto che, dopo un’ininterrotta e incontrastata campagna propagandistica che dura dalla fine della guerra, una caserma adibita a sede per truppe antiguerriglia e centrale di smistamento dei prigionieri sia diventata un campo di sterminio, si dovrebbe trarre l’insegnamento che chi fa prigionieri di guerra è un criminale e chi li ammazza sul posto è un combattente per la libertà. Il presente lavoro ripercorre l’iter che ha prodotto lo stravolgimento della realtà storica. Si dimostra in particolare che nella Risiera non vi è mai stato alcun forno crematorio e che gli autori della falsa ricostruzione sono tutti militanti di partito – molti dei quali già condannati per attività terroristica – mossi solo da odio e pregiudizio ideologico.

Brossura 14 x 21 cm. pag. 140 + 7 pagine fuori testo con 12 foto b/n

Stamapto nel 2008 da Effepi

1 disponibili

Qty:
COD: SB00658 Categoria:

Descrizione

Ugo Fabbri

Dal fatto che, dopo un’ininterrotta e incontrastata campagna propagandistica che dura dalla fine della guerra, una caserma adibita a sede per truppe antiguerriglia  e centrale di smistamento dei prigionieri sia diventata un campo di sterminio, si dovrebbe trarre l’insegnamento che chi fa prigionieri di guerra è un criminale e chi li ammazza sul posto è un combattente per la libertà. Il presente lavoro ripercorre l’iter che ha prodotto lo stravolgimento della realtà storica. Si dimostra in particolare che nella Risiera non vi è mai stato alcun forno crematorio e che gli autori della falsa ricostruzione sono tutti militanti di partito – molti dei quali già condannati per attività terroristica – mossi solo da odio e pregiudizio ideologico.

Brossura 14 x 21 cm. pag. 140 + 7 pagine fuori testo con 12 foto b/n

Stamapto nel 2008 da Effepi

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il processo della Risiera di San Sabba – Messa in scena per uno sterminio”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.