I canti del Littorio – Storia del fascismo attraverso le canzoni

22.00

Il Fascismo forse più d’ogni altro fenomeno politico si è espresso attraverso il canto: dalle canzoni intonate fra le trincee della Grande Guerra a quelle gridate a squarciagola durante le “spedizioni punitive” della fase rivoluzionaria; dall’ innodia quasi religiosa che ha punteggiato ogni iniziativa di massa del Regime al vortice entusiastico di canzoni per l’impresa africana, per finire con il canto rabbioso e sentimentale del crepuscolo di Salò. “Giovinezza”, “All’ armi, siam fascisti!”, “Faccetta nera”, “Le donne non ci vogliono più bene”…. canti scritti da soldati per altri soldati, da squadristi per altri squadristi, da italiani per altri italiani.

Brossura, 15,5 x 21,5 cm., pag. 262 con molte illustrazioni b/n

Stampato nel 2006 da Lo Scarabeo

1 disponibili

Qty:
COD: SB00196 Categoria:

Descrizione

Emanuele Mastrangelo

Il Fascismo forse più d’ogni altro fenomeno politico si è espresso attraverso il canto: dalle canzoni intonate fra le trincee della Grande Guerra a quelle gridate a squarciagola durante le “spedizioni punitive” della fase rivoluzionaria; dall’ innodia quasi religiosa che ha punteggiato ogni iniziativa di massa del Regime al vortice entusiastico di canzoni per l’impresa africana, per finire con il canto rabbioso e sentimentale del crepuscolo di Salò. “Giovinezza”, “All’ armi, siam fascisti!”, “Faccetta nera”, “Le donne non ci vogliono più bene”…. canti scritti da soldati per altri soldati, da squadristi per altri squadristi, da italiani per altri italiani.

Brossura, 15,5 x 21,5 cm., pag. 262 con molte illustrazioni b/n

Stampato nel 2006 da Lo Scarabeo

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “I canti del Littorio – Storia del fascismo attraverso le canzoni”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.