4.SS Polizei Panzergrenadier Division

Polizei

Visualizzazione di 5 risultati

  • 0 out of 5

    4.SS Polizei Panzergrenadier Division

    36.00

    La divisione Polizei è una delle formazioni della Waffen SS meno conosciute e meno trattate dalla storiografia ufficiale, soprattutto per la sua origine di unità solo “affiliata” alla stessa Waffen SS, essendo stata formata principalmente con elementi della Polizia Tedesca e dell’Esercito. Inizialmente, fu infatti trattata come una formazione di secondo livello e di conseguenza fu equipaggiata ed armata approssimativamente. Anche per quanto riguarda il suo impiego in prima linea, fu sempre impegnata come forza di riserva, soprattutto durante la campagna sul fronte occidentale nel 1940. Ma come spesso accadde nella storia della Waffen SS, anche per la Polizei la prova del fuoco servirà a farla diventare una formazione di élite grazie soprattutto all’esemplare comportamento dei suoi reparti e dei suoi comandanti sul campo di battaglia e nel febbraio del 1942, finalmente fu trasformata in una vera e propria formazione SS, diventando ufficialmente la SS-Polizei-Division. La divisione, rimase in prima linea sul fronte dell’Est, sempre nell’area di Leningrado, fino al 1944. Nel frattempo, era stata avviata la sua riorganizzazione e la sua trasformazione in una unità di granatieri corazzati ed alcuni suoi reparti furono impegnati in Grecia, fin dal 1943, partecipando alla lotta contro le bande partigiane. Seguirono poi i combattimenti nel Banato, in Romania, in Ungheria e lungo il confine slovacco. La divisione al completo all’inizio del 1945, fu trasferita in Pomerania, per partecipare alla controffensiva per allontanare i Sovietici dal territorio del Reich e successivamente sulla testa di ponte di Danzica. Alla fine, i reparti della Polizei si ritrovarono a combattere nell’area a nord-ovest di Berlino, opponendosi con tutte le loro forze all’avanzata dei reparti dell’Armata Rossa, sacrificandosi fino all’ultimo, per poi ripiegare e arrendersi alle truppe alleate. Come già fatto per tutti gli altri volumi di questa stessa collana, dedicata alle divisioni della Waffen SS,

    Quick view
  • 0 out of 5

    In Good Faith -The History of the 4. SS-Polizei Panzer-Grenadier Division Vol. 2 1943-1945

    75.00

    Questo volume, frutto di un lungo lavoro di ricerca su frammenti di diari di guerra, fra cui quello di un reggimento di fanteria e un battaglione di artiglieria, rapporti di combattimento originali e un gran numero di racconti di prima mano dei veterani, traccia la storia completa della 4. ss Polizei Panzer-Grenadier Division, una delle meno conosciute formazioni da combattimento delle Waffen-SS. Il volume, secondo di due tomi, si occupa delle operazioni in cui fu impegnata la divisione dal 1943 al 1945, da quelle sul Don alla Battaglia di Berlino. Il libro è accompagnato da molte fotografie originali, alcune cartine e da molte appendici di cui parecchie dedicate agli ordini di battaglia e altre alle onorificenze a alle insegne divisionali.

    Cartonato, 16 x 23,5 cm. pag. 600 illustrato con circa 32 foto b/n e 40 cartine

    Testo in lingua inglese

    Stampato nel 2009 da Fedorowicz Publishing

    Quick view
  • 0 out of 5

    In Good Faith -The History of the 4. SS-Polizei Panzer-Grenadier Division Vol.1 1939-1943

    65.00

    Questo lavoro frutto di un lungo lavoro di ricerca su frammenti di diari di guerra, fra cui quello di un reggimento di fanteria e un battaglione di artiglieria, rapporti di combattimento originali e un gran numero di racconti di prima mano dei veterani, traccia la storia completa della 4.SS Polizei Panzer-Grenadier Division, una delle meno conosciute formazioni da combattimento delle Waffen-SS. Il volume, primo di due tomi, concerne la formazione della divisione nel 1939, il suo impiego nella “Drole-guerre” all’inizio della campagna di Francia e più avanti nella stessa campagna, infine le operazioni sul fronte dell’Est, dove crebbe la sua reputazione di unità specializzata nella lotta antipartigiana. Il libro è accompagnato da molte fotografie originali, alcune cartine e da diverse appendici di cui alcune dedicate agli ordini di battaglia.

    Cartonato, 16 x 23,5 cm. pag. 436 illustrato con circa 83 foto b/n e 28 cartine

    Testo in lingua inglese

    Stampato nel 2003 da Fedorowicz Publishing

    Quick view
  • 0 out of 5

    Ritterkreuz numero speciale II/2011 – La Polizei-Division sul fronte di Leningrado 1941

    12.00

    La storia della Polizei-Division dalle origini al 1941, con particolare riferimento ai combattimenti sul fronte dell’Est, tra l’estate e l’autunno del 1941, accompagnata dalla traduzione di una pubblicazione dell’epoca, scritta da un corrispondente di guerra al seguito della divisione: una eccezionale ed inedita testimonianza dei combattimenti e delle marce che portarono i reparti della Polizei-Division fino alle porte di Leningrado, piena di enfasi e di propaganda, essendo comunque una pubblicazione di regime, ma in ogni caso interessante dal punto di vista storico. Da segnalare una importante sezione uniformologica con tavole a colori. Il lavoro è corredato da più di un centinaio di foto, provenienti dagli archivi di tutto il mondo, da pubblicazioni dell’epoca e da collezioni private.

    Brossura punto metallico, 21 x 30 cm. pag. 66 illustrato con circa 175 foto b/n e 5 cartine

    Stampato nel 2011 da Ritterkreuz

    Quick view
  • 0 out of 5

    Sturmartillerie de La Waffen-SS Vol. 2. Totenkopf. Polizei. Wiking.

    31.50

    Pierre Tiquet

    I cannoni d’assalto furono i primi veicoli corazzati ad equipaggiare le divisioni delle Waffen-SS all’inizio della loro “avventura” militare. In questo secondo volume sulle unità Sturmgeschütze delle Waffen-SS, il lettore troverà la storia dei cannoni d’assalto della “Totenkopf”, articolati prima in un’unica batteria, e successivamente in un potente Abteilung di tre batterie. Sprofondato nella sacca Demiansk, nell’inverno 1941/42, lo Sturmartilleristen partecipò quasi ininterrottamente pesanti combattimenti fino all’Austria, nella primavera del 1945, compresi quelli dell’operazione “Zitadelle” del luglio 1943 e della Polonia. La seconda parte è particolarmente illustrata da una ricca iconografia grazie all’eredità dell’Untersturmführer Jänisch e dell’Unterscharführer Mödlinger. Appartenenti a un’unità grande, meno prestigiosa, ma molto interessante, l’unità che aveva in dotazione i cannoni d’assalto della divisione “Polizei”. Foto inedite degli StuGs. IV -, che mostrano l’impiego in teatri operativi poco conosciuti come la Grecia o quelli del Banato e dell’Ungheria nell’autunno del 1944. Infine, gli StuGs. III del “Wiking” che sono illustrati, tra l’altro, nell’operazione della tasca Cherkassy. Sia che fossero organizzati in una singola batteria, un gruppo formidabile, integrato nei veicoli corazzati, nei cacciacarri o nella Sturmartillery vera e propria, i cannoni d’assalto giocarono un ruolo essenziale nella lotta contro le forze corazzate sovietiche. Oltre a foto e testimonianze immersive, il libro fornisce anche biografie dettagliate di assi e detentori della Ritterkreuz, conquistate con gli StuG, come Berndt Lubich von Milovan, Ernst Dehmel, Richard Utgenannt, Hans-Georg Jessen o anche Willy Hein. Testimonianze inedite e un apparato iconografico degno delle edizioni Heimdal (molte delle foto sono inedite) caratterizzano questo ottimo volume.

    Quick view
X