R.S.I. – Impeto

Tullio Maffei

Visualizzazione del risultato

  • 0 out of 5

    R.S.I. – Impeto

    90.00

    Questa ristampa anastatica, ripropone un volume edito nel 1944 per ricordare il Corso Allievi Ufficiali “Impeto” della GNR. Oltre alle vicende, fedelmente descritte, il volume propone molte centinaia di fotografie che riprendono gli Allievi Ufficiali in addestramento, durante le cerimonie e i momenti liberi. Vengono alresì riportati innumerevoli documenti e tabelle riepologative. A Modena, presso la Caserma “Ciro Menotti”, il 14 marzo 1944 inizia il Corso Allievi Ufficiali della GNR denominato “Impeto” che avrebbe dovuto essere l’erede della famosa Scuola Allievi Ufficiali di MOdena. Gli allievi sono organizzati in un Battaglione, suddiviso in 4 compagnie: la prima è formata da veneti e lombardi; la seconda da emiliani, umbri, marchigiani e bergamaschi; la terza è eterogenea, ma soprattutto friulani; la quarta da milanesi e bresciani. Gli allievi all’inizio del Corso sono 550 e appartengono soprattutto alle classi 1923-1924-1925. Comandante la Scuola è il ten. colonnello Battaglia Ignazio. Il 13 maggio 1944, la Caserma “Ciro Menotti” viene bombardata; il 7 giugno la Scuola arriva a Velo d’Astico sotto il nuovo comando del Ten. Colonnello Pifferi Adolfo; l’accampamento è piantato a circa 400 m s.l.m., in località Crestana, sopra Contrà Salgarola, sotto il M. Summano e il Passo Colletto Grande, di fronte al Monte Cengio e a ovest del M. Priaforà e Cimone. A metà giugno il Battaglione partecipa a un rastrellamento sul M. Summano. A fine giugno, una cinquantina di allievi del “Modena”, costituiscono la Compagnia “Orsolini” e si trasferiscono ad Edolo, in Val Camonica, per effettuare una serie di rastrellamenti agli ordini dei tenenti Langella e Licitra e il capitano Orsolini Alvaro. Il 15 luglio 1944 una Compagnia della “Modena”, composto da 9 ufficiali e 144 Allievi viene inviata a Tonezza in soccorso delle “Fiamme Bianche” attaccate dai Partigiani garibaldini di “Turco”. La Scuola ai primi di agosto si trasferisce a Bellano, sul Lago di Como, dove assume il comando il

    Quick view
X