301 – Gerhard Barkhorn l’Asso con trecentouno vittorie

Gianni Bianchi

Visualizzazione di 19 risultati

  • 0 out of 5

    301 – Gerhard Barkhorn l’Asso con trecentouno vittorie

    22.00

    Gerhard barkhorn (Konigsberg, 20 marzo 1919 – Tegernsee, 6 gennaio 1983) è stato il secondo maggiore asso dell’aviazione della storia dopo Erich Hartmann, nonché l’unico, assieme allo stesso Hartmann, ad aver abbattuto più di trecento aerei nemici. Ottenne la Croce di cavaliere con Fronde di Quercia e Spade per le sue imprese nel 1944. Questo pilota abbatté un totale di 301 aerei nemici in 1.104 missioni di guerra effettuate durante la Seconda Guerra Mondiale, prestando servizio nella Luftwaffe e, dopo la fine del conflitto, nell’Aeronautica Militare tedesca. Barkhorn fu anche il secondo miglior asso tedesco del fronte orientale dove ottenne tutte le sue vittorie volando su aerei Messerschmitt Bf-109 e Focke-Wulf Fw-190. Alla fine del conflitto pilotò anche alcuni messerschmitt Me-262 nell’unità formata da Adolf Galland, lo Jagdverbande 44. Estremamente documentato, accompagnato da decine fotografie originali, da tavole a colori con i profili degli aerei, da riproduzioni di insegne, insegne di fusoliera, decorazioni, il volume traccia la storia militare del famosissimo pilota da caccia, sul quale esiste una letteratura scarsissima.

    Brossura, 17 x 24 cm. pag. 103 con diverse foto b/n e colori

    Stampato nel 2013 da Sarasota

    Quick view
  • 0 out of 5

    Andrea Gianoli. Olterra – Orsa Maggiore. Leggende della X Mas

    27.00

    Gianni Bianchi

    Monografia del comandante Andrea Gianoli, un uomo dotato di ingegno straordinario e capace di gesta eroiche unite ad azioni clamorose. Il volume è corredato da materiale di archivio e foto inedite. Personaggio di sovente dimenticato, quando si parla di assaltatori di marina italiani durante il secondo conflitto mondiale.

    Quick view
  • 0 out of 5

    Antonio Marceglia. La notte di Alessandria

    30.00

    Gianni Bianchi

    Fu soprannominato il Toro di Scapa Flow, per il suo spirito aggressivo, determinato, energico. Il Sottotenente di Vascello Engelbert Endrass, Primo Ufficiale a bordo del Sottomarino U47 arrivò addirittura a raffigurare un toro pronto alla carica sulla parete esterna della torretta. Allegoria che raffigurava il Comandante del battello, uno dei più abili sommergibilisti della Kriegsmarine, reduce da una delle imprese considerate fino ad allora irrealizzabile: il suo nome era Gunther Prien.

    Quick view
  • 0 out of 5

    Bocca di Serchio – Album fotografico della base della Xª Flottiglia MAS

    32.00

    Questo libro fotografico, che ha utilizzato materiale iconografico inedito inerente Bocca di Serchio, vuole essere una testimonianza storica del sito, una denuncia del suo attuale stato di degrado e di abbandono e una sprone affinché qualcuno coordini una qualche iniziativa atta a restituire al Patrimonio culturale italiano uno dei siti più importanti della sua storia. Le numerose fotografie originali immortalano la terrazza della Casina di Tesei, Birindelli, Falcomatà…, fanno indovinare i covoni di fieno, il totem, il campo di pallavolo, la macchia dove Tesei cacciava la beccaccia. Il volume è completato da 18 pagine di fotografie attuali a colori e diverse riproduzioni artistiche.

    Brossura 22,5 x 22,5 cm. pag. 230 interamente illustrate con 141 foto b/n, 35 a colori e 6 illustrazioni a colori

    Stampato nel 2011 da Sarasota

    Quick view
  • 0 out of 5

    Bocca di Serchio Vol. II. Album fotografico della base della X MAS

    30.00

    Gianni Bianchi

    Notevole raccolta di foto inedite dedicata agli incursori della X MAS, alla base navale di Bocca di Serchio e ad alcune delle più celebri azioni da essi compiute durante la Seconda Guerra Mondiale.

    Quick view
  • 0 out of 5

    Con poca prora per l’insidia vasta – Luciano Luciani un marò della Xª racconta le storie di giovani eroi

    26.00

    Un album fotografico con testimonianze e ricordi per non dimenticare vite di patrioti che conobbero onore e senso del dovere e del sacrificio. Caduti in guerra o morti nell’Italia del dopoguerra, tutti ebbero un altissimo senso di fedeltà ai principi della loro giovinezza. Dal marò Luciani che qui ricorda il valore dei suoi amici e commilitoni come Berni e Bartolomei tra gli altri; al paracadutista della Folgore A. L. Marchi assieme ad altri eroi della Versilia come il pilota T. Giannini o il carrista Navari e il Caporale Pellegrini morti durante lo sbarco alleato in Sicilia. E tanti altri militari che operarono sul mare, sul suolo d’Italia e fuori dei suoi confini sono qui menzionati per dovere di ricordo e rispetto.

    Brossura, 24 x 23 cm. pag. 156 illustrato con numerose foto b/n

    Stampato nel 2016 da Sarasota

    Quick view
  • 0 out of 5

    Decima Mas. Il violatore di Gibilterra – La storia di Giuseppe Giannoni Elbano di Cavo assaltatore della Regia Marina del reparto Teseo Tesei

    28.00

    Biografia militare e bell’album fotografico sull’eroe del mare elbano Giuseppe Giannoni (1917-1992), che fece parte di uno dei più gloriosi reparti delle Forze Armate Italiane, la X Flottiglia Mas. Essa, malgrado il suo ristretto numero di operatori, vanta tra le sue file ben 30 medaglie d’oro e, record mondiale, riuscì ad affondare o danneggiare 32 navi senza praticamente causare morti perché gli attacchi avvenivano nei porti e si mirava al “ferro” e non agli uomini. Tra le altre missioni, Giannoni partecipò a due celebri incursioni denominate con la sigla “B.G.3” il 27 maggio ’41 e “B.G.4” il 20 settembre ’41, entrambe rivolte contro la Base Inglese di Gibilterra.

    Brossura, 24 x 22,5 cm. pag. 106 con circa 73 foto b/n e 4 a colori

    Stampato nel 2016 da Sarasota

    Condizioni del libro:

    Quick view
  • 0 out of 5

    Ero a Cassino – Il Fallschirmjager dei Diavoli Verdi Hans Mecklenburg racconta

    32.00

    Questa nuovo libro di G. Bianchi (con la collaborazione di L. Monachello) è frutto di un incontro e di un’intervista a Hans Mecklenburg, abitante a Carpi, paracadutista dei Diavoli Verdi e specialista in esplosivi che partecipò alla battaglia di Cassino e che si stabilì in Italia dal primo dopoguerra. Novantenne lucido ed orgoglioso (nacque il 12/11/1924), membro della Gioventù Hitleriana, studia alla Scuola per Alianti per poter accedere alla Luftwaffe. In poche pagine di intensa rievocazione scorriamo velocemente con lui attraverso le vicende di una vita di soldato tra Germania, Italia e la Francia della sua (ribelle) prigionia. Nella sezione ‘La Battaglia di Cassino’ troviamo un lungo e interessante resoconto, una narrazione storicamente ineccepibile ma tuttavia appassionata e per così dire “tra le parti”, che è un’intelligente antologia di brani scelti dalle opere di R. Atkinson, F. Majdalany, Hapgood & Richardson, R. Bohmler, W. Nardini. Completa l’opera un massiccio corredo di fotografie in bianco e nero, una dozzina di figurini a colori e due profili a colori, tre cartine relative agli accadimenti bellici nel Frusinate.

    Brossura, 24 x 22,5 cm. pag. 164 quasi completamente illustrato con 98 foto e 3 cartine b/n, 1 foto e 11 profili a colori

    Stampato nel 2016 da Sarasota

    Quick view
  • 0 out of 5

    Ginetto Brizzolari. Una freccia tricolore nel cielo di Marina di Massa

    25.00

    Gianni Bianchiù

    Le gesta del pilota Ginetto Brizzolari fanno ormai parte della storia di Massa e di quelle dell’aeronautica. Questo volume è stato realizzato con l’intento di far conoscere le gesta del Sergente Brizzolari alle generazioni più giovani e alla stessa cittadinanza di Massa. Brizzolari può essere annoverato tra i precursori delle Frecce Tricolori, essendo stato un componente della prima formazione della Pattugli Acrobatica Nazionale. Perse la vita, giovanissimo, durante un’esibizione aerea sul suo CR-20.

    Brossura, 24 x 22,5 cm. pag. 132 con varie foto b/n

    Stampato nel 2022 da Sarasota

    Quick view
  • 0 out of 5

    I ragazzi della Folgore ad El Alamein Vol. I

    30.00

    Scrive Gianni Bianchi a proposito di questo suo lavoro previsto in quattro volumi: – Per fare cosa diversa da quelle sinora apparse, ho dotato l’opera di un apparato fotografico d’epoca consistente, per facilitare l’entrata in sintonia con quei posti desolati: El Qattara, Qaret el Himeimat, Deir el Mussanib, dove combatterono i nostri giovani di allora che in questi scatti vediamo in azione… ho pensato di utilizzare per i testi quanto raccontarono i protagonisti stessi… un evento assolutamente straordinario di eroismo, dove invece che a ventidue uomini, le Medaglie d’Oro sarebbero spettate a decine, centinaia, migliaia di Folgorini che si opposero quasi a mani nude a intere brigate corazzate distruggendo un centinaio di carri armati, lasciati sotto il sole africano, sul campo di battaglia…..-

    Brossura, 24 x 22,5 cm. pag. 192 illustrato con numerose foto b/n e alcunei disegni a colori

    Stampato nel 2019 da Sarasota

    Quick view
  • 0 out of 5

    I ragazzi della Folgore ad El Alamein Vol. IV

    32.00

    Gianni Bianchi

    Scrive Gianni Bianchi a proposito di questo suo lavoro previsto in quattro volumi: – Per fare cosa diversa da quelle sinora apparse, ho dotato l’opera di un apparato fotografico d’epoca consistente, per facilitare l’entrata in sintonia con quei posti desolati: El Qattara, Qaret el Himeimat, Deir el Mussanib, dove combatterono i nostri giovani di allora che in questi scatti vediamo in azione… ho pensato di utilizzare per i testi quanto raccontarono i protagonisti stessi… un evento assolutamente straordinario di eroismo, dove invece che a ventidue uomini, le Medaglie d’Oro sarebbero spettate a decine, centinaia, migliaia di Folgorini che si opposero quasi a mani nude a intere brigate corazzate distruggendo un centinaio di carri armati, lasciati sotto il sole africano, sul campo di battaglia….. – Questo ultimo volume è dedicato alla battaglia finale di El Alamein, con rapporti, relazioni dei combattenti, di cui molti inediti. Materiale spesso scritto di proprio pugno dai protagonisti e perciò portatore di forte emozioni. Completano l’opera un centinaio di foto e disegni a tutta pagina, una ventina a colori.

    Quick view
  • 0 out of 5

    La battaglia di Bougie – Novembre – Dicembre 1942. L’olocausto degli Aerosiluranti

    30.00

    Viene esaminata e giustamente esaltata qui l’epica e tremenda battaglia sulla e nella rada di Bugie in Algeria, dove l’aeronautica italiana si distinse per coraggio in una situazione veramente sfavorevole. Famoso l’attrito che si creò tra Faggioni e Buscaglia per il disaccordo del primo sul metodo di conduzione degli attacchi. Attrito, ma mai mancanza di rispetto e grande abnegazione di tutti, soprattutto di coloro che lì perirono. «La baia di Bougie si presentò ai nostri occhi terrificante. Le navi erano tante, tante, tante…quanto videro i miei occhi in quel languido pomeriggio dell’11 novembre 1942 non ha mai avuto possibilità di confronto in missioni precedenti e successive». Foto, documenti e testimonianze per penetrare nelle ore drammatiche di quel fine 1942 in quei cieli e su quelle acque del Mediterraneo.

    Brossura, 24 x 22,5 cm. pag. 152 riccamente illustrato con foto b/n e alcune foto a colori

    Stampato nel 2017 da Sarasota

    Quick view
  • 0 out of 5

    La battaglia di Pantelleria. L’olocausto degli Aerosiluranti 14-15 Giugno 1942

    27.00

    Gianni Bianchi

    L’autore venuto in possesso di molti documenti e fotografie di Mario Ingrellini ne sviluppa la storia allargandola alla Battaglia di Pantelleria dove furono abbattuti una decina di aerosiluranti. Quindi vengono esaminate tutte le circostanze relative a quelle azioni tributando un omaggio a quegli eroici ragazzi: Vivarelli Colonna, Alberto Leonardi, Farina Giovanni….

    Quick view
  • 0 out of 5

    La Casina degli Incursori. Il luogo sacro di 29 MOVM, 109 MAVM, ridotta a rudere. Una vergogna d’Italia

    30.00

    Gianni Bianchi

    Il racconto dell’editore Gianni bianchi del luogo simbolo dei primi incursori della Regia Marina, ridotta ad un rudere dal destino incerto. Viene descritto anche il tentativo di riportare i locali alle vecchia vestige, in  modo da renderli fruibili ai visitatori e poterne fare un centro culturale per preservare l’Onore dei molti che diedero la vita per l’Italia.

    Brossura, 22,8 x 22,8 cm. pag. 165 illustrato con foto a colori e b/n

    Stampato nel 2022 da Sarasota

    Quick view
  • 0 out of 5

    Le stelle brillano soltanto in notte oscura – Gli agenti dei Reparti Speciali della X Flottiglia NP e Vega oltre le linee nemiche

    20.00

    Sulla storia della Resistenza fascista al sud si hanno notizie frammentarie ed incerte, tutto ruota intorno al nome del Principe Valerio Pignatelli di Cerchiara, che aveva organizzato speciali gruppi formati da volontari, le “guardie ai Labari”. L’azione di questi, secondo gli ordini del Duce, si sarebbe dovuta limitare a propaganda e notizie ai comandi fascisti e tedeschi. Spettava quindi a questi Servizi Speciali l’opera di spionaggio e sabotaggio ai danni degli angloamericani. L’esigenza di segretezza non ha lasciato documenti rilevanti. Tra le certezze, i reparti dai quali proviene la maggioranza di essi: il Battaglione NP della X Mas e il Battaglione Vega sempre della X mas.

    Brossura, 17 x 24 cm. pag. 130 illustrato con numerose foto b/n e 11 foto a colori

    Stampato nel 2017 da Sarasota

    Quick view
  • 0 out of 5

    Licio Visintini. La storia basata su documenti della moglie signora Maria Montella

    32.00

    Gianni Bianchi

    Pubblicato dall’Associazione Culturale Sarasota questo volume che traccia la storia di colui che viene definito l’erede di Teseo Tesei, basata su documenti esclusivi della famiglia. Dalla beffa dell’Olterra all’olocausto al Grand Harbour. Illustrato con foto d’epoca e documenti.

    Brossura, 24 x 22,5 cm. pag. 250 con numerose foto b/n

    Stampato nel 2022 da Sarasota

    Quick view
  • 0 out of 5

    Mario Milano Comandante del CT Fulmine. Medaglia d’Oro al Valor Militare

    30.00

    Gianni Bianchi

    L’ufficiale superiore della Marina Militare nacque a Termoli il 17 luglio 1907. Allievo dell’Accademia Navale di Livorno dall’ottobre 1923, nel giugno 1928 consegui la nomina a Guardiamarina stando imbarcato sull’incrociatore Bari. Promosso Sottotenente di Vascello nel 1929, imbarcò su varie unità di superficie e dal novembre 1930 al luglio 1931 frequentò il Corso Superiore all’Accademia Navale. Promosso Tenente di Vascello nel 1933, nel 1938 imbarcò su unità subacquea. Promosso Capitano di Corvetta nel 1940, allo scoppio del secondo conflitto mondiale ebbe il comando del cacciatorpediniere Granatiere con il quale compì numerose missioni di scorta ai convogli. Nell’ottobre 1940 ebbe il comando del cacciatorpediniere Fulmine con il quale il 9 novembre 1941 scortò un convoglio in Libia.

    Quick view
  • 0 out of 5

    Per l’onore d’Italia Folgore – La storia di Umberto Bisaccioni nelle battaglie di Anzio-Nettuno Castel Decima Passo del Giogo

    20.00

    Accompagnato da fotografie d’epoca in b/n (alcune inedite) e altre a colori che ripropongoni i luoghi della battaglia di allora, questo libro ci racconta la straordinaria avventura di un diciottenne, proiettato in una delle più impegnative e sanguinose battaglie combattute in Italia durante la Seconda Guerra Mondiale. Un omaggio a lui e ai suoi camerati. Da una parte i reparti Alleati dell V e VIII armata riforniti di tutto, con l’assoluto dominio del cielo e abbondanza di munizioni, blindati, cannoni, jeep, ecc. Dall’altra, a contrastarli, oltre alle forze tedesche presenti in loco, alcune centinaia di paracadutisti della R.S.I., ragazzi inesperti, richiamati dalle caserme con un addestramento incompleto, muniti solo di armi leggere, rafforzati da istruttori tedeschi e veterani italiani.

    Brossura, 17 x 24 cm. pag. 87 di cui 37 di fotografie b/n e colori

    Stampato nel 2012 da Associazione Culturale Sarasota

    Quick view
  • 0 out of 5

    Roberto Di Lollo – Il Toscanaccio. Dal gruppo Visconti alle Tigri Bianche e Frecce Tricolori

    30.00

    Gianni Bianchi

    Il libro ripercorre tutta la carriera del “Toscanaccio” Di Lollo, dalla sua appartenenza al I Gruppo Caccia “Asso di Bastoni” di Adriano Visconti al successivo comando della Pattuglia Acrobatica Tigri Bianche, fino al culmine della sua carriera con il comando della P.A.N. proprio quando essa fu dotata del suo aereo più emblematico, il G 91. Concludono l’opera diverse testimonianze di colleghi e conoscenti del mitico Comandante.

    Quick view
X