Armi da Fuoco. Le armi della fanteria italiana (1919-1945)

Ultimi arrivi

Visualizzazione di 16 risultati

  • 0 out of 5

    Armi da Fuoco. Le armi della fanteria italiana (1919-1945)

    65.00

    Volume riccamente illustrato, con foto e disegni d’epoca, che analizza l’evoluzione dell’armamento della fanteria italiana dal periodo immediatamente successivo alla Grande Guerra fino alla fine del secondo conflitto mondiale. Sono ampiamente illustrati l’impiego in addestramento e in combattimento del vasto campionario di armamenti di cui i fanti furono dotati (armi bianche, bombe a mano, fucili, armi automatiche, mortai, cannoni e lanciafiamme) e anche l’attività sperimentale, di ricerca e sviluppo, di selezione e approvvigionamento degli organi tecnici dell’esercito in collaborazione con l’industria privata. Sono trattate sia le armi prodotte dall’industria nazionale che quelle acquistate all’estero o catturate al nemico. Opportuno risalto è dato anche agli aspetti organici, alla normativa tattica e alla distribuzione degli armamenti alle varie specialità dell’Arma di Fanteria. L’opera più completa disponibile sull’argomento.

    Brossura, 21 x 28 cm. pag. 271 interamente illustrato con circa 288 foto b/n e 78 disegni

    Stampato nel 2008 da Albertelli

    Quick view
  • 0 out of 5

    Aviazione – I caccia a motore radiale. La generazione intermedia Macchi MC.200 Fiat CR.42 Reggiane RE 2000 Fiat G.50

    150.00

    Volume di difficilissima reperibilità che unisce i 5 libri pubblicati dalla Stem Mucchi sui caccia a motore radiale: “La Generazione Intermedia!; “Macchi Mc.200”; “Fiat Cr.42”; “Reggiane Re.2000”: “Fiat G.50”. Il volume è molto ben illustrato con centinaia di immagini d’epoca b/n., disegni tecnici, numerose tabelle e una serie di tavole a colori che propongono gli aerei esaminati nelle diverse colorazioni e camouflage, utilizzati in guerra. Il lavoro è estremamente accurato, viene tracciata la storia dei velivoli, attraverso la documentazione proveniente sia dalle ditte costrutrici sia dagli archivi storici. Numerose tabelle e organigrammi aiutano il lettore alla comprensione del testo di Nino Arena, che si avvale, come in tutti i suoi lavori, di un apparato iconografico di ottimo livello.

    Brossura, 21 x 27 cm. pag. 500 con numerose foto e disegni tecnici b/n

    Stampato nel 1979 da Stem Mucchi

    Condizioni del libro: usato in ottime condizioni

    Quick view
  • 0 out of 5

    Aviazione – L’Aeronautica Nazionale Repubblicana. La guerra aerea in Italia 1943-1945

    99.00

    Il lavoro di Nino Arena si può definire l’opera definitiva e più esauriente riguardo l’Aeronautica Nazionale Repubblicana, l’aviazione della RSI. Con oltre 600 bellissime illustrazioni, viene descritta cronologicamente la guerra aerea svoltasi tra gli Alleati da una parte e gli italo-tedeschi dall’altra, dall’armistizio dell’8 settembre 1943 fino alla fine del conflitto. L’ANR, istituita dopo l’8 settembre 1943 inizialmente con velivoli italiani già dell’ex Regia aeronautica e in seguito con velivoli tedeschi venne costituita con alcuni Gruppi Caccia e un Gruppo Aerosiluranti, più alcune squadriglie di trasporti che operarono quasi esclusivamente sotto comando tedesco sul fronte orientale. Anche l’artiglieria contraerea venne inquadrata in organico all’ANR ed operò insieme a quella tedesca nel tentativo di contrastare le incursioni aeree alleate.

    Rilegato, pag. 557 completamente illustrato con oltre 600 fotografie b/n e 6 pagine fuori testo con tavole a colori

    Stampato nel 1995 da Albertelli

    Quick view
  • 0 out of 5

    Bevevano e Mangiavano – La borraccia e la gavetta tedesca Modello 1931 della Wehrmacht

    75.00

    Il variegato universo del collezionismo militare, e nello specifico quello della militaria tedesca, è, ai giorni nostri, una passione che migliaia di persone condividono e praticano in tutto il mondo. La bibliografia che tratta questo argomento è davvero molto vasta ed in taluni casi anche molto articolata. Se sugli elmetti tedeschi, le uniformi, le decorazioni e gli armamenti della Wehrmacht, le pubblicazioni sono molte, è altrettanto vero che sono molto pochi gli studi e/o le pubblicazioni che trattano, in modo più o meno specifico, l’equipaggiamento di base del soldato di truppa della Wehrmacht, e noi parleremo proprio di questo. La nostra è un’analisi approfondita delle borracce e delle gavette del soldato tedesco della Wehrmacht durante la Seconda Guerra Mondiale, ma c’è però anche un capitolo in cui si parla delle cinghie d’affardellamento perché sono parte cardine delle gavette; il tutto fa seguito ad una breve ma fondamentale introduzione sull’evoluzione delle principali componenti del sopracitato equipaggiamento. Abbiamo seguito un unico filo conduttore per dare equilibrio e logica a quanto esposto, ovvero l’evoluzione di tali effetti a partire dall’ottima qualità iniziale per arrivare alla spartana ma ricercata funzionalità degli effetti di fine guerra, frutto questi ultimi del risparmio e del riutilizzo per le ristrettezze economiche del periodo che il perdurare del conflitto aveva causato. Teniamo anche a precisare che molto (se non quasi tutto) di quanto esposto, relativamente a borracce e gavette, è dovuto alla visione ed analisi diretta di migliaia di oggetti reali, per cui nulla è legato al caso ma tutto è documentato; questo perché, come detto sopra, fino ad ora ed in modo specifico poco è stato scritto anche in virtù del fatto che la documentazione d’epoca è molto scarna riguardo all’argomento. Il volume diventerà sicuramente lo strumento di riferimento, per i collezionisti di questa branca della militaria tedesca, e il fatto che venga stampato ini

    Quick view
  • 0 out of 5

    Collezionismo – The Iron Cross of 1939

    290.00

    Introvabile volume della Bender Publishing, stampato come prima edizione nel 2002, dedicato alla Croce di Ferro tedesca modello 1939. Vera bibbia per i collezionisti, questo volume dell’editore americano, delinea con precisione la storia della Croce di Ferro, degli attestati di assegnazione, delle varianti, dei produttori e dei decorati stessi che hanno avuto il privilegio di portare questa decorazione: quella di seconda classe, di prima classe, ecc., Croce di cavaliere, in Oro, ecc. Il volume è interamente illustrato con immagini d’epoca in b/n e a colori che mostrano sotto ogni aspetto la Croce di Ferro i suoi contenitori e gli attestati di assegnazione. La qualità delle immagini, fanno di questo libro uno strumento indispensabile per i collezionisti di tutto il mondo. Sul mercato internazionale, la quotazione del presente volume, ha raggiunto valutazioni altissime.

    Rilegato, 16 x 23,5 cm. pag. 496 quasi completamente illustrato con foto b/n e colori

    Testo in lingua inglese

    Stampato nel 2002 da Bender

    Condizioni del libro: usato in perfette condizioni

    Quick view
  • 0 out of 5

    Forze speciali – Il Gruppo Incursori tra Passato e Presente. Progenitori e Eredi dei mezzi d’Assalto della Marina Militare

    75.00

    Il presente volume realizzato a cura dell’Associazione Nazionale Arditi Incursori della Marina e nella fattispecie dal suo presidente Antonio Brustegna, rende al Gruppo Incursori la sua storia, la sua identità, con il supporto di documenti, articoli di giornale, fotografie e testimonianze dei protagonisti, racconta il suo passato e si propone di tenere vive e trasmettere le tradizioni e i valori alle future leve, illustrandone la gloria e le gesta. Con questo libro si vuole puntualizzare che, pur molto legati al titolo di Incursori, lo sono si, ma di marina, con la certezza di appartenerne di diritto e di fatto. Questo lavoro è rivolto in primis agli stessi Incursori per esortare in loro il culto della tradizione e dello spirito di corpo, perchè la storia degli Incursori, eredi diretti degli uomini della Decima Flottiglia Mas, non cada nell’oblio. Ottimamente illustrato in b/n e a colori con fotografie, documenti e ritagli di giornale.

    Rilegato, 25 x 30 cm. pag. 308 riccamente illustrato con centinaia di foto b/n

    Stampato nel 2006 da Associazione Nazionale Arditi Incursori Marina

    Condizioni del libro: nuovo

    Quick view
  • 0 out of 5

    Henschel Hs 129 Panzerjager

    89.00

    Per perfezzionare questo volume, stampato a suo tempo dall’editore inglese Classic publications, l’autore attraverso numerose ricerche ha scoperto molte nuove informazioni e materiale fotografico sullo sviluppo e l’uso operativo dell’Hs 129 in servizio nella Luftwaffe e nell’aeronautica rumena. Il libro include capitoli sulla prima Guerra Mondiale e sullo sviluppo precedente la Seconda Guerra Mondiale, riguardo il concetto di caccia d’assalto, oltre ad una analisi completa dello sviluppo del velivolo stesso e degli armamenti in dotazione. La maggior parte del libro, tuttavia dedicato all’impiego operativo del velivolo in Nord Africa e soprattutto in Russia dove, sebbene non fosse il perfetto velivolo di supporto ravvicinato e anticarro, si rivelò l’unico mezzo disponibile a poter essere impiegato, efficacemente, contro le formazioni sovietica, tanto da essere ancora in linea nel maggio 1945. Nel volume sono inclusi anche numerosi resoconti degli stessi piloti, dettagli sugli esemplari catturati dagli Alleati e una sezione su mimetizzazione e marchi. Il libro è arricchito con disegni in scala aggiornati dell’illustratore e disegnatore di fama mondiale, Arthur Bentley, e contiene anche tavole a colori a colori di Janusz Swiatlon. Illustrato con 415 foto, mappe, disegni tecnici, 13 profili a colori appositamente commissionati, appendici.

    Rilegato, 21,5 c 30,5 cm. pag. 296 riccamente illustrato con foto b/n e profili a colori

    Testo in lingua inglese

    Stampato nel 2019 da Chandos

    Quick view
  • 0 out of 5

    Le armi leggere delle Waffen-SS – Modelli e Varianti – Produzione e Marchi (1933 – 1945 )

    80.00

    Francesco Zanardi

    Questo testo si rivolge precisamente ai cultori di armi della Seconda Guerra Mondiale, con uno studio che desidera soddisfare soprattutto gli interessi tecnici e collezionistici, fornendo i dettagli sul funzionamento e sulle caratteristiche delle armi leggere, sia tedesche che straniere, impiegate dalle Waffen-SS. Qui vengono riportate anche tutte le informazioni ed i dati sulla loro progettazione e produzione, i marchi ed i punzoni identificativi specifici, nonché le notizie sul loro effettivo impiego al fronte. Le Waffen-SS con la loro fama hanno sempre suscitato una particolare attenzione ed anche una certa attrazione, non solo tra gli appassionati e gli studiosi degli eventi bellici del XX° secolo, ma anche tra i collezionisti di armi e materiali d’armamento. In particolare, un aspetto molto interessante da scoprire è che da prima dell’inizio della Seconda Guerra Mondiale e sino alla metà del 1943, le SS ricevettero delle forniture di armi leggere in modo alquanto poco ortodosso. Infatti, in quel periodo le Unità combattenti delle SS non rivestivano ancora il ruolo di Reparti militari di prim’ordine come fu in seguito e la priorità delle forniture di armi di produzione tedesca era destinata alle truppe della Wehrmacht. Pertanto l’acquisizione delle armi leggere avvenne spesso utilizzando dei fondi provenienti dall’Organizzazione stessa delle SS, così come da sottoscrizioni, donazioni e/o vendite, spesso agevolate da aziende ed altri simpatizzanti. Inoltre, vennero requisite le dotazioni degli eserciti delle nazioni annesse o assoggettate che erano state immagazzinate negli arsenali. Il risultato fu che la panoplia dei soldati delle Waffen-SS incorporò un insieme di armi leggere tedesche, cecoslovacche, polacche e via dicendo, le quali erano accumunate principalmente da due importanti parametri: la validità delle loro caratteristiche tecnico balistiche e l’impiego delle medesime tipologie di munizioni. Solo dalla seconda metà del 1943 in poi, le Waffen-SS assunsero quel carattere elitario che gli permise di ottenere la priorità nelle forniture degli armamenti più innovativi, accrescendo in questo modo la loro capacità combattiva. Tutti questi interessanti aspetti sono esplicati nel testo.

     

    Quick view
  • 0 out of 5

    Munizioni militari d’Italia 1861- 1946. Military ammunitions of Italy

    100.00

    Pierluigi Taviani – Carlo Zambon

    Poderoso e completissimo volume realizzato da Pierluigi Taviani e Carlo Zambon, frutto di anni di ricerche, dedicato al munizionamento militare italiano dall’Unità d’Italia al secondo dopoguerra. Per i molti appassionati, collezionisti e cultori della storia militare d’Italia, questo che proponiamo, rappresenta in maniera assoluta, il volume di riferimento su questo specifico argomento per molti anni a venire. 400 pagine, centinaia di foto in b/n e a colori cfhe illustrano ogni singolo calibro, da quelli di maggior impiego come ul 6,5 Carcano a quelli sperimentali. Il lavoro chiarisce ogni aspetto storico e tecnico, grazie all’elevato apporto di documenti storici, in gran parte inediti.

    Quick view
  • 0 out of 5

    Panzerjager – Storia reparti e armi delle truppe controcarro tedesche nella Seconda Guerra Mondiale

    65.00

    Questa è la prima opera enciclopedica in italiano dedicata alle truppe controcarro tedesche nella Seconda Guerra Mondiale. Il testo ne descrive l’organizzazione, le dotazioni in armi, mezzi e uomini, gli ordini di battaglia, le tattiche, l’armamento e il relativo munizionamento, dalle origini nella grande guerra alla nascita della Panzerabwehrtruppe nella Reichswehr, allo sviluppo dei Panzer Abwehr Kanone (PAK) della Wehrmacht e relativi trattori ruotati, semicingolati e cingolati al combattimento ravvicinato, dei corazzati nemici ai semoventi controcarro, dai primi Panzerjäger I alla serie Marder ai Ferdinand/Elefant e Hornisse/Nashorn, sino agli Jagdpanzer IV e Panzer IV/70, dagli Jagdpanther, Jagdpanzer 38 (t) e Jagdtiger, agli altri cingolati o ruotati dotati di pezzi PAK di serie, sperimentali o improvvisati, all’uso controcarro degli Sturmgeschütz III e IV ai mezzi di preda bellica, inclusi i semoventi Fiat-Ansaldo italiani. Con approfondimenti sulle difese fisse controcarro comprese le Pantherturm, sulla mimetizzazione e i simboli tattici dei semoventi Panzerjäger, sulle uniformi degli equipaggi dei Panzerjäger, e sulla formazione e le innumerevoli battaglie combattute su ogni fronte da tutti i reparti controcarro indipendenti della Wehrmacht e delle Waffen-SS, comprese le schede biografiche e le azioni degli “assi” dei Panzerjäger e degli insigniti del Panzervernichtungs-Abzeichen per il combattimento ravvicinato contro i corazzati, maggiormente decorati.

    Brossura, 21 x 26 cm. pag. 736 illustrato con centinaia di foto in bianco e nero e 96 pagine di foto e disegni al tratto a colori

    Stampato nel 2019 da Associazione Italia

    Quick view
  • 0 out of 5

    Paracadutisti – Parà. Storie e battaglie dei paracadutisti di tutto il mondo Vol. I – II

    160.00

    Vera “opera omnia” sulla nascita e l’impiego delle truppe paracadutiste di tutto il mondo, dalla loro nascita fino ai primi anni cinquanta che sancirono, in ambito nazionale, la rinascita delle truppe aviotrasportate dopo la sconfitta militare della Seconda guerra Mondiale. Gli autori di questi due volumi: Edoardo Sala, veterano del paracadutismo italiano e Nino arena, volontario nella RSI, hanno svolto un lavoro enorme, analizzando tutte le unità di paracadutisti dei vari paesi coinvolti nei conflitti, le battaglie, le tattiche di addestramento e, le vicissitudini in generale di queste truppe scelte che si sono sempre contraddistinte per il loro ardire, la volontà di sacrificio e l’abnegazione con cui hanno sempre affrontato il combattimento, anche quando si sono trovate in condizione di netta inferiorità. Basta ricordare la “Folgore” italiana in Africa del Nord, i paracadutisti alleati ad Arnhem e i parà francesi in Indocina. Il volume presenta un apparato iconografico enorme, con centina e centinaia di foto d’epoca in b/n ed alcune anche a colori. Un libro di riferimento per chiunque ami il paracadutismo e le gesta di questi “soldati speciali”. Raro.

    Rilegato, 23,5 x 31,5 cm. pag. 744 + 730 riccamente illustrato con foto b/n

    Stampato nel 1967 da FPE Milano

    Condizioni del libro: usato in ottime condizioni, piccole tracce di umidità sul bordo inferiore di uno dei volume e parziale distacco della copertina rigida dal frontespizio.

    Quick view
  • 0 out of 5

    Paracadutisti d’Italia – Uniformi distintivi equipaggiamenti. 1938-1943 1943 -1969

    150.00

    L’autore, da sempre appassionato della Storia del paracadutismo, da decenni raccoglie materiale e documentazione inerente i paracadutisti italiani. Negli anni poi, più si arricchiva la collezione, e più avvertiva la mancanza di letteratura specifica, che potesse supportare, in particolar modo il collezionista, nella ricerca e nello studio di tutto quanto riguarda il mondo del paracadutismo militare: abbigliamento, elmetti, decorazioni, gradi, buffetteria, materiale cartaceo, ecc.. Da qui l’idea, mettendo insieme il materiale di più collezionisti, di dare vita a uno strumento di consultazione senza pari. Oggi, dopo oltre nove anni di lavoro, viene dato dato alle stampe un lavoro di più di ottocento pagine strutturato su due volumi. La storia dei Paracadutisti scritta dalle uniformi, dalle fotografie, dai distintivi, dagli effetti personali e, dai regolamenti dell’epoca. Ogni capitolo è preceduto da una breve introduzione storica sui reparti e sul loro impiego. Un’opera fatta per appassionare, da guardare e riguardare, leggere e rileggere, per godere di più di 3600 immagini, quasi tutte inedite, e dei dettagli di pezzi rarissimi, mai pubblicati prima. Nel primo volume viene descritto il periodo dalla nascita della Specialità nel 1938, alla Scuola di Castel Benito in Libia, i fatti d’arme che ghanno visto i paracadutisti italiani distinguersi e meritarsi il rispetto del nemico (valgano per tutte, le gesta di El alamein) per arrivare ai fatti tragici dell’armistizio del settembre 1943. Nel secondo volume di analizza il periodo della Repubblica Sociale Italiana e anche i fatti riguardanti i paracadutisti del Regno del Sud, per arrivare fino a tutti gli anni ’60, attraverso le divisioni della guerra civile e la rinascita della Specialità nel dopoguerra. Lavoro superlativo, alla pari e, migliore di molte pubblicazioni similari in lingua straniera.

    2 Volumi rilegati indivisibili, 21,5 x 30 cm. pag. 432 + 432 completamente illustrato con circa 3600 immagini b/n e colori

    Quick view
  • 0 out of 5

    R.S.I. – …L’onore delle armi alla Decima Mas.

    460.00

    Rarissimo volume originale stampato nel 1989 dalle Edizioni “Decima” e realizzato da Poldo De Micheli ed altri autori (Carlo Panzarasa, Emilio Maluta, Vittorio Crea e Stellio Ostuni ) tutti veterani della “X° Mas” e pluridecorati. In questo lavoro monumentale di 675 pagine, gli autori hanno raccolto 1000 foto inedite in b/n e alcune a colori riproducenti uomini, mezzi, azioni e documenti dell’unità probabilmente più famosa e conosciuta nell’ambito della Repubblica Sociale Italiana. Il volume è stato stampato in sole 1000 copie e questa è la copia n° 576, completa di cofanetto in cartone.

    Rilegato, 35 x 25 cm. pag. 675 con circa 1000 foto inedite a colori e in b/n riproducenti uomini, mezzi, azioni e documenti dell’unità.

    Stampato nel 1989 da Edizioni “Decima”

    Condizioni del libro: usato in perfette condizioni

    Quick view
  • 0 out of 5

    Rough Forged. A History and Collector’s Guide to German Self-Loading Rifles of WWII

    179.00

    Darrin Weaver

    Rough Forged è il “rifacimento” del testo dell’autore del 2000, pubblicato da Collector’s Grade Publishing e esamina la storia e lo sviluppo dei fucili semiautomatici tedeschi a partire dalla fine del 1800, passando per la Prima Guerra Mondiale, agli anni tra le due guerre, fino al Gewehr 41, Gewehr 43 e Karabiner 43 fucili, della Seconda Guerra Mondiale. Quando la Wehrmacht intraprese la campagna di Polonia nel 1939, il soldato tedesco era dotato, più o meno, delle stesse armi che la generazione perecedente aveva utilizzato nella Grande Guerra. Infatti erano dotati, essenzialmente, di una versione avamzata del Mauser 98. Certo, era stato migliorato, accorciato, alleggerito, la maniglia del chiavistello piegata verso il basso, ma presentava un design lento, obsoleto, a scatto, più adatto a un’epoca passata. Gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica stavano mettendo in linea un gran numero di fucili semiautomatici alla vigilia del secondo conflitto mondiale. Perché la Germania, una nazione che seppe progettare e costruire una serie di armi innovative tra aerei, mezzi corazzati, cannoni, mitragliatrici, ecc. arrivò in ritardo a realizzare e a dotarsi di fucili seniautomatici? E perché ci vollero altri 4 anni di sanguinoso conflitto prima che le truppe tedesche iniziassero a ricevere un numero considerevole di fucili semiautomatici? Le risposte sono complesse e vengono evidenziate all’interno di questo poderoso studio in due volumi, ampiamente illustrato, con cira 1300 illustrazioni che includono anche marchi, codici, differenti produzioni e versioni, storia dello sviluppo dei mirini telescopici, accessori, ecc. Il tutto con appendici dettagliate che evidenziano tutti i codici di produzione dei principali produttori e varianti di produzione. Rough Forged è lo studio definitivo per tutti coloro che collezionano e sono interessati ai fucili semiautomatici tedeschi della Seconda Guerra Mondiale!

    Quick view
  • 0 out of 5

    The U.S. Krag Bayonets – History Variations Modifications

    185.00

    Autoritratto e definitiva opera sulle baionette utilizzate sui fucili Krag, che rimasero in servizio con le forze americane per un breve periodo ma che, presso altre forze armate, costituirono la dotazione standard per molti anni. il disegno, le modifiche apportate durante il corso degli anni, i marchi, la fondina, i numeri di produzione, le caratteristiche dei vari modelli in dotazione presso l’Accademia allievi di West Point dal 1865 al 1963. Oltre tre anni di ricerca ha prodotto una storia completa sullo sviluppo, produzione, prove sul campo con relativi risultati di queste baionette. per Larry Thomas, Sr., direttore del Museo delle armi militari americane, il libro sull’US Krag Bayonets è stato lungamente atteso e, il presente studio sarà sicuramente riconosciuto come il lavoro definitivo sull’argomento per le generazioni future. Splendidamente allestito e ricco di foto d’epoca e di disegni progettuali, il volume può sicuramente soddisfare le esigenze dei collezionisti più difficili. – Scott Duff, autore e presidente di Scott A. Duff Publications afferma che il volume in questione, costituisce la guida essenziale per i collezionisti statunitensi. Quarant’anni di collezionismo e tre anni di intensa ricerca hanno prodotto questo studio accurato, e splendidamente pienamente documentato. Ricca iconografia a colori e in bianco e nero.

    Rilegato, 22,5 x 28,5 cm. pag. riccamente illustrato con foto b/n e colori

    Testo in lingua inglese

    Stampato nel 2009 da D&D Blade Research

    Condizioni del libro: nuovo

    Quick view
  • 0 out of 5

    Uniformi militari italiane dal 1861 ai giorni nostri Vol. I – II

    400.00

    La storia di questo volume della Bramante editrice, che ha dato alle stampe nel corso del tempo, importanti e poderose opere editoriali, pur rappresentando soprattutto un complemento iconografico della storia politica, rappresenta altresì un importante aspetto della storia del costume e, evidenzia la forza della tradizione nel necessario evolversi dei tempi. Il volume porta all’attenzione del lettore e dell’appassionato di uniformologia un aspetto molto trascurato dall’editoria militare italiana, un panorama completo delle nostre uniformi militari, dalla nascita delle prime formazioni militari del Regno d’Italia (1861) fino al 1964, anno di edizione del volume. Un lavoro durato oltre vent’anni, lavoro di ricerca, di raccolta e di ricostruzione con cui si è potuto comporre un’opera di tale portata. Il primo volume (dal 1861 al 1933) è suddiviso in tre periodi: dal 1861 al 1871, dal 1871 al 1909, dal 1909 al 1933 e comprende, riprodotte a colori, tutte le divise dell’Esercito, della Marina, dell’Aviazione e delle loro specialità, dei Carabinieri, Finanza, Pubblica Sicurezza, Milizia, ecc. riportando per ogni divisa illustrata, una esauriente didascalia, con le principali caratteristiche dell’uniforme, i dati storici, tecnici, relativi alla sua adozione e all’utilizzo. Il secondo volume dell’opera, comprende tutte le uniformi successive al 1933 e mantiene le caratteristiche strutturali e formali del precedente. Il presente volume è dedicato dall’Editore, alle Forze Armate italiane, vere artefici della costruzione dell’unità nazionale.

    Su richiesta possiamo fotografare altre pagine dell’interno.

    2 Volumi (indivisibili) Rilegati, 30 x 34,5 cm. pag. 373 + 236 illustrato con circa 240 tavole a colori a piena pagina

    Stampato nel 1964 da Bramante

    Condizione dei volumi: usati in ottime condizioni. Piccoli tagli nelle sovracopertine

    Quick view
X