Storia della Brigata Piacenza

15.00

A qualcuno potrebbe suonare strano, in questa collana, un volume sulla Brigata “Piacenza”, che a dispetto del nome rimase in città solamente dieci settimane dopo la sua costituzione, e solamente con uno solo dei suoi reggimenti, il 111°. Ma a Piacenza rimase sempre, presso Palazzo Farnese, il deposito di questo reggimento, cioè la struttura destinata a vestire, armare e addestrare le reclute e i richiamati da inviare di rincalzo al fronte. Una presenza quindi maggiore di quella del Reggimento di cavalleria “Ussari di Piacenza”, che fu sempre di stanza a Parma. Inoltre i legami di Piacenza con questa unità sono sempre stati fortissimi: la nostra provincia era una delle principali zone di reclutamento, e per questo numerosi piacentini fecero parte delle sue fi la durante la Grande Guerra: sono almeno 150 i nostri concittadini che lasciarono la vita mentre combattevano nei ranghi della “Piacenza”. A loro è idealmente dedicata questa ricerca, che abbiamo tentato di illustrare proprio con le immagini di alcuni di questi soldati, perché ad un nome fosse, una volta tanto, associato anche un volto. Si tratta di un documento eccezionale, unico nel suo genere, che permette al lettore di avere una visione d’insieme di quel campo di battaglia nel quale si muovevano numerose divisioni di fanteria italiane e austriache.

Brossura, 16,6 x 24 cm. pag. 15a illustrato con varie foto b/n

Stampato nel 2017 da Marvia

Esaurito

COD: SB07045 Categoria:

Descrizione

Filippo Lombardi – Ippolito Negri

A qualcuno potrebbe suonare strano, in questa collana, un volume sulla Brigata “Piacenza”, che a dispetto del nome rimase in città solamente dieci settimane dopo la sua costituzione, e solamente con uno solo dei suoi reggimenti, il 111°. Ma a Piacenza rimase sempre, presso Palazzo Farnese, il deposito di questo reggimento, cioè la struttura destinata a vestire, armare e addestrare le reclute e i richiamati da inviare di rincalzo al fronte. Una presenza quindi maggiore di quella del Reggimento di cavalleria “Ussari di Piacenza”, che fu sempre di stanza a Parma. Inoltre i legami di Piacenza con questa unità sono sempre stati fortissimi: la nostra provincia era una delle principali zone di reclutamento, e per questo numerosi piacentini fecero parte delle sue fi la durante la Grande Guerra: sono almeno 150 i nostri concittadini che lasciarono la vita mentre combattevano nei ranghi della “Piacenza”. A loro è idealmente dedicata questa ricerca, che abbiamo tentato di illustrare proprio con le immagini di alcuni di questi soldati, perché ad un nome fosse, una volta tanto, associato anche un volto. Si tratta di un documento eccezionale, unico nel suo genere, che permette al lettore di avere una visione d’insieme di quel campo di battaglia nel quale si muovevano numerose divisioni di fanteria italiane e austriache.

Brossura, 16,6 x 24 cm. pag. 150 illustrato con varie foto b/n

Stampato nel 2017 da Marvia

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Storia della Brigata Piacenza”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.