Le origini della destra in Sardegna – Il partito dell’uomo qualunque (1945-1956)

16.00

Dal giornale “L’Uomo Qualunque”, nato alla fine del 1944, poi nacque il Fronte omonimo che, nonostante la negazione stessa del concetto di “nazione”, portò a Guglielmo Giannini i consensi dei nazionalisti, oltre che dei monarchici e dei fascisti nell’immediato dopoguerra. Il suo stile immediato e, in certi casi, anche un po’ volgare, riusciva a toccare l’immaginario collettivo e a coinvolgere anche le frange meno preparate della popolazione. Qualunquismo, quindi, come forma esasperata di richiesta di cittadinanza politica da parte principalmente del ceto medio. Sui motivi che impedirono al qualunquismo di affermarsi, in particolare la situazione internazionale dell’epoca: inizio della Guerra Fredda con la relativa politica dei blocchi contrapposti che portarono gli U.S.A. a vedere nella Democrazia Cristiana, supportata dal Vaticano, il partito garante dell’anticomunismo, in grado di garantire stabilità politica, con De Gasperi in testa. Tesi corroborata anche dai risultati elettorali; crollo dell’Uomo Qualunque da una parte, ascesa della D.C. dall’altra, con il Movimento Sociale che ha usufruito soltanto marginalmente della discesa del partito di Giannini. La Destra ancora non vide la luce e fu la D.C. ad avere il ruolo di catalizzatore per la “maggioranza silenziosa”, fino alla caduta del muro di Berlino. In questo volume, Giuseppe Serra analizza, specificatamente, il contesto sardo.

Brossura, 13,5 x 21 cm. pag. 192

Stampato nel 2010 da Doramarkus

Esaurito

COD: SB00834 Categoria:

Descrizione

Giuseppe Serra

Dal giornale “L’Uomo Qualunque”, nato alla fine del 1944, poi nacque il Fronte omonimo che, nonostante la negazione stessa del concetto di “nazione”, portò a Guglielmo Giannini i consensi dei nazionalisti, oltre che dei monarchici e dei fascisti nell’immediato dopoguerra. Il suo stile immediato e, in certi casi, anche un po’ volgare, riusciva a toccare l’immaginario collettivo e a coinvolgere anche le frange meno preparate della popolazione. Qualunquismo, quindi, come forma esasperata di richiesta di cittadinanza politica da parte principalmente del ceto medio. Sui motivi che impedirono al qualunquismo di affermarsi, in particolare la situazione internazionale dell’epoca: inizio della Guerra Fredda con la relativa politica dei blocchi contrapposti che portarono gli U.S.A. a vedere nella Democrazia Cristiana, supportata dal Vaticano, il partito garante dell’anticomunismo, in grado di garantire stabilità politica, con De Gasperi in testa. Tesi corroborata anche dai risultati elettorali; crollo dell’Uomo Qualunque da una parte, ascesa della D.C. dall’altra, con il Movimento Sociale che ha usufruito soltanto marginalmente della discesa del partito di Giannini. La Destra ancora non vide la luce e fu la D.C. ad avere il ruolo di catalizzatore per la “maggioranza silenziosa”, fino alla caduta del muro di Berlino. In questo volume, Giuseppe Serra analizza, specificatamente, il contesto sardo.

Brossura, 13,5 x 21 cm. pag. 192

Stampato nel 2010 da Doramarkus

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Le origini della destra in Sardegna – Il partito dell’uomo qualunque (1945-1956)”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *