Fronte Montenegro – Occupazione italiana e giustizia militare (1941-1943)

26.00

Un fronte della guerra italiana oggi dimenticato, un sistema di un’occupazione militare sinora ignorato dagli studi. Eppure l’Italia fascista Iin Montenegro fra 1941 e 1943 sperimentò l’antiguerriglia come non fece altrove nei Balcani durante tutto il secondo conflitto mondiale. Nel quadro della guerra fascista il controllo di quel territorio – incastonato fra la Serbia occupata dai tedeschi, lo Stato indipendente croato e l’Albania occupata dall’Italia fascista – rappresentava uno snodo importante. Inoltre il pur piccolo Montenegro offriva agli occupanti risorse economiche cui l’Italia fascista guardava con attenzione. C’era però un problema: i montenegrini mal sopportavano il dominio italiano e nelle montagne della loro regione venne a nascondersi, e ad operare, il cuore della resistenza antifascista e antitedesca di tutta la Jugoslavia, compreso Josip Broz Tito. Federico Goddi ricostruisce tutto questo grazie ad un’assai ampia ricerca, dragando i più diversi archivi dell’epoca e traendo spunti dalla storiografia montenegrina. Ne scaturiscono le scelte del Governatorato militare italiano e l’impatto della quotidianità d’occupazione sulla società locale. Emerge distintamente come l’azione repressiva degli occupanti fu segnata da un complesso conflitto fra autorità militari con aspirazioni egemoniche e autorità civili.

Brossura, 17 x 24 cm. pag. 308 + 24 pagine fuori testo con foto b/n

Stampato nel 2016 da Goriziana

1 disponibili

Qty:
COD: SB00228 Categoria:

Descrizione

Federico Goddi

Un fronte della guerra italiana oggi dimenticato, un sistema di un’occupazione militare sinora ignorato dagli studi. Eppure l’Italia fascista Iin Montenegro fra 1941 e 1943 sperimentò l’antiguerriglia come non fece altrove nei Balcani durante tutto il secondo conflitto mondiale. Nel quadro della guerra fascista il controllo di quel territorio – incastonato fra la Serbia occupata dai tedeschi, lo Stato indipendente croato e l’Albania occupata dall’Italia fascista – rappresentava uno snodo importante. Inoltre il pur piccolo Montenegro offriva agli occupanti risorse economiche cui l’Italia fascista guardava con attenzione. C’era però un problema: i montenegrini mal sopportavano il dominio italiano e nelle montagne della loro regione venne a nascondersi, e ad operare, il cuore della resistenza antifascista e antitedesca di tutta la Jugoslavia, compreso Josip Broz Tito. Federico Goddi ricostruisce tutto questo grazie ad un’assai ampia ricerca, dragando i più diversi archivi dell’epoca e traendo spunti dalla storiografia montenegrina. Ne scaturiscono le scelte del Governatorato militare italiano e l’impatto della quotidianità d’occupazione sulla società locale. Emerge distintamente come l’azione repressiva degli occupanti fu segnata da un complesso conflitto fra autorità militari con aspirazioni egemoniche e autorità civili.

Brossura, 17 x 24 cm. pag. 308 + 24 pagine fuori testo con foto b/n

Stampato nel 2016 da Goriziana

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Fronte Montenegro – Occupazione italiana e giustizia militare (1941-1943)”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.