Con le trecce sotto il basco - Le ausiliarie della R.S.I. a Genova 1944 - 1945

Circondate da uno sproporzionato disprezzo, durante e specialmente dopo la fine della guerra, le ausiliarie della R.S.I. pagarono pesantemente il fatto di essere state donne schierate senza compromessi con il fascismo sconfitto. Le ausiliarie del S.A.F. non furono solo il frutto dell'emergenza conseguita all'8 settembre 1943, ma piuttosto il risultato di un percorso prospettico iniziato tempo prima, e passante attraverso la scuola dell'epoca, i fasci femminili, e le organizzazioni giovanili di massa quali l'Opera Balilla e la G.I.L., l'Opera Nazionale Maternità e Infanzia, l'Opera Nazionale Dopolavoro, le Massaie Rurali, e poi i Gruppi Universitari Fascisti. Anche a Genova, città che una consolidata leggenda marxista vorrebbe "rossa", ci furono donne che si schierarono apertamente con la Repubblica Sociale di Mussolini, anche se esse costituirono una ristretta minoranza rispetto ai numeri raggiunti prima dell'inizio del secondo conflitto mondiale. Questo libro ricostruisce le vicende di quelle ragazze genovesi che ebbero la ventura, e l'onore, di appartenere al S.A.F. della Repubblica Sociale Italiana sulla base di una vasta documentazione d'archivio e testimonianze dirette.

Brossura 15,5 x 22 cm. pag. 210, illustrato con numerose foto e documenti b/n

Stampato nel 2018 da associazione Italia
trecce

Prezzo:
Prezzo di vendita: 24,00 €
48h.gif
Descrizione

Pierfranco Malfettani

Circondate da uno sproporzionato disprezzo, durante e specialmente dopo la fine della guerra, le ausiliarie della R.S.I. pagarono pesantemente il fatto di essere state donne schierate senza compromessi con il fascismo sconfitto. Le ausiliarie del S.A.F. non furono solo il frutto dell'emergenza conseguita all'8 settembre 1943, ma piuttosto il risultato di un percorso prospettico iniziato tempo prima, e passante attraverso la scuola dell'epoca, i fasci femminili, e le organizzazioni giovanili di massa quali l'Opera Balilla e la G.I.L., l'Opera Nazionale Maternità e Infanzia, l'Opera Nazionale Dopolavoro, le Massaie Rurali, e poi i Gruppi Universitari Fascisti. Anche a Genova, città che una consolidata leggenda marxista vorrebbe "rossa", ci furono donne che si schierarono apertamente con la Repubblica Sociale di Mussolini, anche se esse costituirono una ristretta minoranza rispetto ai numeri raggiunti prima dell'inizio del secondo conflitto mondiale. Questo libro ricostruisce le vicende di quelle ragazze genovesi che ebbero la ventura, e l'onore, di appartenere al S.A.F. della Repubblica Sociale Italiana sulla base di una vasta documentazione d'archivio e testimonianze dirette.

Brossura 15,5 x 22 cm. pag. 210, illustrato con numerose foto e documenti b/n

Stampato nel 2018 da associazione Italia

 

VATERLAND S.A.S di Alberto Manca & C. - sede legale: Solarussa ( OR ) via Azuni 21 CAP. 09077 - partita IVA 01152870950 - REA 134686
MOAI Studio Milano
Joomla template freaks