Una mattina a Sarajevo – 28 giugno 1914

24.00

Tutti sanno che la miccia che fece esplodere il primo conflitto mondiale fu l’attentato di Gavrilo Princip, in una mattina simile a tante altre, a Sarajevo nel giugno 1914. Nessuno conosce però la storia di questo ragazzo, invasato e determinato, che in nome dell’indipendenza serba decise di uccidere l’arciduca Francesco Ferdinando, erede al trono austro-ungarico, e sua moglie. Questo libro di David James Smith racconta l’incredibile e inimmaginabile storia della vita di Princip con delicatezza unita a rigore scientifico sorretti da un folgorante passo narrativo che a tratti sconfina in quello proprio del thriller. L’autore si muove con leggerezza nell’ambito del grande reportage senza rinunciare a soffermarsi sui particolari inediti più minuti, ricostruisce il contesto familiare e sociale di provenienza di Princip, i tratti salienti del suo carattere, le sue timidezze, gli amori, il modo in cui fu usato e abusato, fino a ricordare ciò che hanno pagato i suoi familiari e i suoi amici, per la sola colpa di essergli parenti o di averlo conosciuto. La vicenda dell’uomo che con due spari ha generato la più grande carneficina della storia umana.”

Brossura, 24 x 17 cm. pag. 250 illustrato

Stampato nel 2014 da Goriziana

Esaurito

COD: SB08288 Categoria:

Descrizione

David J. Smith

“Tutti sanno che la miccia che fece esplodere il primo conflitto mondiale fu l’attentato di Gavrilo Princip, in una mattina simile a tante altre, a Sarajevo nel giugno 1914. Nessuno conosce però la storia di questo ragazzo, invasato e determinato, che in nome dell’indipendenza serba decise di uccidere l’arciduca Francesco Ferdinando, erede al trono austro-ungarico, e sua moglie. Questo libro di David James Smith racconta l’incredibile e inimmaginabile storia della vita di Princip con delicatezza unita a rigore scientifico sorretti da un folgorante passo narrativo che a tratti sconfina in quello proprio del thriller. L’autore si muove con leggerezza nell’ambito del grande reportage senza rinunciare a soffermarsi sui particolari inediti più minuti, ricostruisce il contesto familiare e sociale di provenienza di Princip, i tratti salienti del suo carattere, le sue timidezze, gli amori, il modo in cui fu usato e abusato, fino a ricordare ciò che hanno pagato i suoi familiari e i suoi amici, per la sola colpa di essergli parenti o di averlo conosciuto. La vicenda dell’uomo che con due spari ha generato la più grande carneficina della storia umana.”

Brossura, 24 x 17 cm. pag. 250 illustrato

Stampato nel 2014 da Goriziana

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Una mattina a Sarajevo – 28 giugno 1914”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *