La terra del Duce – L’era fascista nella Romagna forlivese 1922 – 1940

14.00

Ancora oggi la Romagna, Forlì e Predappio sono rispettivamente la terra, la prima città d’adozione e il paese natale del Duce: è l’impronta indelebile del Ventennio che tanto profondamente ha segnato la storia italiana e, più strettamente, quella romagnola. Questa appartenenza geografica di Mussolini non può certamente negarsi, ma neppure celebrarsi in chiave nostalgica o apologetica, va soltanto storicizzata per meglio comprendere come in Romagna il fascismo sia stato vissuto all’ombra dell’ingombrante figura del Duce. Questo libro è, appunto, un viaggio nella Romagna fascista dal 1922 al 1940, il racconto di avvenimenti e storie personali, e il ritratto dei protagonisti.

Brossura, 17 x 24 cm., pag. 147 alcune foto b/n

Stampato nel 2014 da il Cerchio

Disponibile su ordinazione

Qty:
COD: SB08180 Categoria:

Descrizione

Franco D’Emilio, Paolo Poponessi

Ancora oggi la Romagna, Forlì e Predappio sono rispettivamente la terra, la prima città d’adozione e il paese natale del Duce: è l’impronta indelebile del Ventennio che tanto profondamente ha segnato la storia italiana e, più strettamente, quella romagnola. Questa appartenenza geografica di Mussolini non può certamente negarsi, ma neppure celebrarsi in chiave nostalgica o apologetica, va soltanto storicizzata per meglio comprendere come in Romagna il fascismo sia stato vissuto all’ombra dell’ingombrante figura del Duce. Questo libro è, appunto, un viaggio nella Romagna fascista dal 1922 al 1940, il racconto di avvenimenti e storie personali, e il ritratto dei protagonisti.

Brossura, 17 x 24 cm., pag. 147 alcune foto b/n

Stampato  nel 2014 da il Cerchio

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La terra del Duce – L’era fascista nella Romagna forlivese 1922 – 1940”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *